fbpx
NeraPrimo Piano

Parrucchieri percepivano reddito di cittadinanza: denunciati

Una coppia di parrucchieri abusivi percepiva il reddito di cittadinanza: è accaduto a Librino.

A seguito di controlli straordinari, il personale del commissariato Librino ha scoperto una serie di illeciti consumati in un parrucchiere sito in viale Bummacaro. A partire dai gestori, i quali percepivano il reddito di cittadinanza pur svolgendo un’attività, fino ai dipendenti ingiustamente sfruttati. 

Sui due titolari/coniugi pende l’accusa di truffa, in concorso, ai danni dello Stato. Infatti esercitavano da lungo tempo l’attività di parrucchieri totalmente in maniera abusiva ma acquisivano migliaia di euro al mese dal reddito di cittadinanza.

I dipendenti “pagati con la pasta al forno”

Al momento dell’ispezione, sul posto erano presenti due dipendenti tra cui un minorenne. Quest’ultimo, pur lavorando oltre 10 ore al giorno, non percepiva nessuna retribuzione in denaro. L’unica paga consisteva in una porzione di pasta al forno o un panino. L’altro dipendente, invece, senza contratto veniva pagato meno di un euro all’ora per 10 ore di lavoro 5 giorni a settimana.  Denunciato, dunque, uno dei titolari per sfruttamento del lavoratore approfittando del suo stato di bisogno.

Riscontrate anche criticità in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro e, per tale motivo, verrà informato il competente organo Asp Spresal e, per quanto riguarda la mancanza di autorizzazioni e titoli professionali, la Polizia locale di Catania.

E.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker