fbpx
CronacheSenza categoria

Sparatoria a Librino, Drago: “Sostenere il sociale e il terzo settore”

“Sparatoria è ennesimo segnale inquietante. Istituzioni debbono dare segnali forti ma serve sostenere e potenziare il sociale e il terzo settore”. È la senatrice catanese del M5S Tiziana Drago ad intervenire, verbalmente, in merito ai recenti fatti avvenuti a Librino. Nei giorni scorsi, infatti, nel quartiere di Catania si sono registrati 2 morti e diversi feriti, a seguito di una sparatoria. «La sparatoria avvenuta qualche giorno fa a Librino-afferma Drago-è un segnale grave e inquietante e stupisce che la città sia quasi rimasta indifferente e attonita dinanzi a una vera e propria azione alla Gomorra che ha insanguinato una zona vittima da decenni di degrado e criminalità».

“Stupisce che la città sia quasi rimasta indifferente dinanzi a una vera e propria azione alla Gomorra”

«Lo Stato- continua la Drago. non può accettare una resa su Librino, un quartiere esteso e popoloso che conta quasi 80mila abitanti. Non posso accettarlo da rappresentante delle istituzioni e non posso pensare che chi nasca in questo quartiere parta “svantaggiato” rispetto ad altri bambini».
La senatrice del M5S, inoltre, afferma che «serve una risposta forte e netta da parte dello Stato e mi appello alla sensibilità del ministro Lamorgese per garantire ancora più sicurezza e controlli»
«Occorre quindi siglare un “Patto territoriale” con le istituzioni e le agenzie educative presenti nel territorio. Programmare degli interventi pedagogici, formativo-informativi, per giovani, genitori, operatori. Occorre mostrare loro uno Stato presente, altrimenti è la criminalità ad attecchire. Serve, quindi, la presenza dello Stato, sostegno al terzo settore e cultura affinché la cultura criminale non venga più osannata da alcune frange neomelodiche in voga in città» conclude la senatrice Drago.
G.G.
Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker