fbpx
EventiLifeStylePrimo Piano

”Paramòrfosi” a Le Vie dei Tesori, la regista: in scena l’altro lato della pandemia (TRAILER)

''Paramòrfosi'': lo spettacolo di danza contemporanea presso la Società Storica Catanese

Sabato 16 e Domenica 17 Le Vie dei Tesori offrono lo spettacolo di danza contemporanea ”Paramòrfosi” – nulla è come prima- realizzato all’interno della Società Storica Catanese. Di cosa parla?

Il 16 e il 17 Ottobre avrà luogo a Catania lo spettacolo “Paramòrfosi“. Con la regia e la supervisione di Letizia Francioni, i movimenti coreografici di Alice Zucconi, le musiche di Massimo Riccetti e le luci di Alessandro Arena. I suoi ballerini-attori: Fiorella Alviti, Lucrezia Malizia, Filippo Monaci, Alice Zucconi. La realizzazione a cura di Tabare’ Female Sicilian Makers.

Cosa inscena lo spettacolo ”Paramòrfosi”?

Lo spettacolo ”Paramòrfosi” è una pièce di teatro-danza contemporaneo che nasce dall’idea di mettere in scena l’altro lato della pandemia.

Le sue realizzatrici? Letizia Francioni, direttrice artistica nonché fondatrice di EAD e Lina Lizzio dell’associazione Tabare’.

Lo spettacolo è un’attenta riflessione sugli effetti della pandemia e sui cambiamenti innescati dalla quarantena e dal distanziamento sociale. Il finale ”catartico”, come affermerà la direttrice artistica, lascia filtrare una luce. Un’epifania delle coscienze verso una nuova consapevolezza. Tornerà tutto come prima? Chissà.

«Lo spettacolo nasce dall’idea di rappresentare la realtà di chi, durante la pandemia, ha subito gli effetti problematici dell’accelerazione nell’uso della tecnologia -dichiara la regista FrancioniIl risultato è un’interazione distorta con gli strumenti tecnologici quali smartphone, pc e tablet».

Lo sguardo della Francioni esamina diverse realtà. Per tale ragione i quattro personaggi appartengono a vari strati della società: la casalinga, l’operatore che lavora in ”smart working”, l’adolescente che si approccia da poco ai social e la manager. In tutti i casi la reazione all’isolamento sociale causato dalla pandemia, determinerà un approccio scorretto con la tecnologia che scatenerà una dissociazione dalla realtà e una sua scorretta gestione.

Lo spettacolo vuole altresì:

«Mettere in luce la distorsione della realtà e del quotidiano e l’utilizzo spasmodico e psicotico dei mezzi di comunicazione di massa, che in questo periodo di pandemia risultano l’unica via di fuga» conclude Letizia Francioni.

Giorni di apertura

Sabato 16 dalle 16:00 alle 20:00; Domenica 17 dalle 11:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00 presso la Società Storica Catanese (Via Etnea, 248). Durata prevista: 30 minuti. Il contributo: 6 €.

Il trailer

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button