fbpx
CronacheGiudiziariaNews

Spaccio di ossicodone tra l’Italia e gli Stati Uniti: nel mirino anche cinque medici

Scoperto un traffico internazionale di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare ossicodone, tra Sicilia e Stati Uniti. Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catania ha emesso un’ordinanza con misure restrittive per nove persone, indagate per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, prescrizione abusiva di farmaci, truffa aggravata ai danni del Servizio Sanitario Nazionale, ricettazione e falsità commessa dal pubblico ufficiale in certificazioni.

I farmaci soprattutto “ossicodone” (sostanza oppiacea contenuta in alcuni farmaci), venivano acquistati illecitamente in Italia e rivenduti in America. Le indagini hanno evidenziato come l’associazione per delinquere, aiutata da medici compiacenti, riusciva a reperire il farmaco, che in Italia è legale soltanto dietro prescrizione medica, intestandole a persone decedute o che comunque non necessitavano di tali cure, creando così un danno erariale a spese del Servizio Sanitario Nazionale.

Si è scoperto che i farmaci venivano spediti all’interno di pacchi schermati per poter passare i controlli, con mittenti o destinatari fittizi.

Tra i provvedimenti restrittivi:

– custodia cautelare in carcere nei confronti di Angelo Claudio Passanisi,
Maria Lanna Passanisi, Massimo Corrado, Francesco Pasqua,Antonino Spinali;

– arresti domiciliari nei confronti di Agata Agati, Lina Spinali, Domenico Zanti;

– interdizione dall’esercizio della professione medica per Santo Ternullo.

M.C.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button