fbpx
NeraPrimo Piano

Pedopornografia a non finire, beccato 33enne con centinaia di file

File di pedopornografia a non finire, non cessa la circolazione di materiale pornografico a sfondo minorile. La polizia postale di Catania incastra 33enne.

Pedopornografia, ammanettato un 33enne che custodiva nel pc un numero elevato di file. C’è da domandarsi sulla provenienza del materiale e sull’eventuale identificazione delle vittime.

Ancora un caso di pedopornografia. Questa volta l’autore è un uomo di 33 anni di Siracusa beccato dalla Polizia Postale di Catania a seguito di una segnalazione. La comunicazione sarebbe pervenuta dal Centro nazionale di contrasto della pedopornografia-online (Cncpo) del servizio polizia postale di Roma che ha trasmesso l’informazione ai colleghi del capoluogo etneo per le opportune indagini.

Trovato in possesso di dispositivi informatici, il siracusano, che contenevano centinaia di video ed immagini di pornografia minorile, anche con vittime in età infantile.

Il 33enne è stato arrestato per divulgazione di materiale pedopornografico su internet dalla polizia postale di Catania.

Rinvenuto, il materiale, durante una perquisizione disposta nei confronti dell’uomo, un disoccupato che abita in provincia di Siracusa, su delega della Procura distrettuale di Catania.

Convalidato l’arresto dell’uomo dal pubblico ministero di Siracusa, il quale ne ha disposto la detenzione domiciliare.

Gli approfondimenti investigativi hanno condotto alla identificazione dell’autore ed a raccogliere elementi probatori. Tali accertamenti hanno consentito all’autorità giudiziaria di emettere apposito provvedimento di perquisizione personale ed informatica.

Il materiale sequestrato sarà sottoposto ad approfondite analisi da parte degli esperti della polizia postale per chiarire le modalità di acquisizione e l’eventuale identificazione delle vittime di abusi.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button