fbpx
CronachePrimo Piano

Boris Behncke: il vulcanologo che “spiega” in parole povere l’Etna

Boris Behncke, ormai da anni, è il punto di riferimento per tutti i catanesi che vogliono informarsi sull’attività dell’Etna. Quando la montagna si fa sentire è lui il vulcanologo che senza alcun tecnicismo rassicura tutti ma al contempo avverte di non fidarsi mai troppo di quello che è il vulcano più attivo d’Europa.

Boris si è espresso sui social dopo l’importante esplosione delle ore 16.00 che ha catalizzato l’attenzione di tutti e ridestato anche i catanesi abituati a convivere con un un pennacchio di fuoco perenne alle spalle, non fosse altro perchè ha cominciato a piovere cenere lavica che sembrava grandine. Il vulcanologo tedesco che ormai, per amore dell’Etna, vive in Sicilia da oltre 23 anni ha ridimensionato l’evento.

Riportiamo di seguito il post pubblicato in serata sui social.

Dunque, ragazze e ragazzi:

NO, questo tipo di attività (parossismo, fontana di lava) non ha alcun rapporto con i terremoti. Siamo sì in zona sismica, con alto rischio sismico, a prescindere, ma questa attività di stasera non c’entra na m**kia con i terremoti.

NO, non sono caduti frammenti di roccia incandescente su zone abitate. Fisicamente impossibile.

NO, questo episodio parossistico non è stato eccezionale, ce ne sono stati centinaia negli ultimi decenni, fra cui i 66 parossismi dell’anno 2000 e una cinquantina negli anni 2011-2013. Non è nemmeno stato il più intenso, oggi le fontane di lava hanno magari raggiunto 500 m di altezza sopra il Cratere di Sud-Est; il 3 dicembre 2015 i getti incandescenti della Voragine hanno raggiunto fino a 3000 (tremila) metri di altezza.

NO, nessun collega mio ha annunciato che ci saranno terremoti od altri disastri. Non certamente a causa di quanto accaduto stasera.

SI, siamo in zona sismica, ed il rischio sismico è quello di sempre. SI, l’Etna farà, un giorno, una nuova eruzione laterale. Se avviene a quote alte in un settore remoto, non ci saranno problemi. Se avviene a quote basse in un settore densamente popolato, sarà un grosso problema. Ma non sarà niente di straordinario, perché l’Etna queste cose le ha sempre fatte e le farà sempre.

Buonanotte, domani metterò un po’ di video e immagini, per oggi ho dato (sono vulcanologo reperibile in questa settimana, quindi immaginate). Anzi, una foto la metto. Scattata da Santa Venerina dopo la fine dell’attività di fontana di lava.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button