fbpx
LifeStylePrimo Piano

San Valentino, le origini della festa degli innamorati

San Valentino è la festa degli innamorati per eccellenza. Il 14 febbraio, infatti, ogni coppia si regala fiori, cioccolatini, pensierini, cene romantiche a lume di candela; l’Amore è quotidianità ma San Valentino è l’eccezione romantica di tutti i giorni.

Perché proprio il 14 febbraio suggella la festa degli innamorati?

I Lupercalia

Già nell’antica Roma, infatti, in questo giorno si celebravano i Lupercalia, feste in onore della fertilità e del ciclo della vita. In queste occasioni si festeggiava il dio Fauno, nella sua accezione di Luperco, protettore del bestiame e dei campi. L’evento, poi, prevedeva un rituale importante simbolo di rinascita tramite l’immersione nel caos ancestrale.

Foto: rappresentazione dei Lupercalia.

Copyright: Gea Bracciali

San Valentino da Terni

Ma la tradizione non si estinse. Con l’avvento della Chiesa cristiana molte feste furono traslate da significati pagani a significati cristiani ma i giorni, spesso, restarono immutati. È così che Papa Gelasio I mutò i Lupercalia in una ricorrenza legata all’amore romantico, protetto da San Valentino. Il santo originario di Interamna Nahars (l’attuale Terni) nacque nel 176 d.C, fu vescovo e martire della Chiesa cattolica. Perché venne scelto proprio il vescovo Valentino come protettore degli innamorati? Diverse le leggende in merito. Alcuni sostengono che egli fu il primo religioso a celebrare un matrimonio tra due persone di diverso credo: l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana. Altri narrano che Valentino fosse solito raccogliere denaro per le doti delle giovani orfane, in modo che potessero sposarsi. Entrambe le leggende hanno, comunque, come filo rosso l’unione amorosa.

 

Foto: San Valentino che benedice una coppia di innamorati o secondo la leggenda sancisce l’unione di un pagano con una cristiana

Copyright: Coro Diocesi di Terni Narni Amelia

La festa degli innamorati

Ben presto la festa degli innamorati divenne un vero e proprio giorno da festeggiare. La commercializzazione della ricorrenza risale al XIX secolo quando si iniziarono a stampare “le Valentine” degli innamorati. Negli USA Esther Howland, un imprenditore, diede inizio alla produzione su vasta scala. A poco a poco la festa dilagò in tutto il mondo tanto da essere, a tutt’oggi, festeggiata a livello internazionale.

Rimane, però, proibita in alcuni paesi del Medio Oriente di religione islamica come il Pakistan che l’ha dichiarata illegale nel 2017. In Giappone, invece, il 14 febbraio è consuetudine che le donne regalino cioccolatini agli uomini che ricambieranno donando del cioccolato bianco, dopo un mese, in occasione del White Day.

Copyright: Psicologia del Benessere

 

 

 

Cioccolatini o meno San Valentino è il momento dell’anno perfetto per dichiarare l’Amore che si prova ma è altrettanto importante ricordare che in una storia d’amore San Valentino è tutti i giorni. 

G.G.
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button