fbpx
Politica

Rinnovo contratto dipendenti pubblici: smart working e aumento di 107 euro

Nel rinnovo contrattuale dei dipendenti pubblici saranno inseriti un aumento di circa 107 euro e più smart-working.

La linea del lavoro agile, che si è imposta in prevalenza nell’ultimo anno, sarà una delle voci dominanti nei rinnovi dei contratti nazionali per il pubblico impiego. La firma è stata messa oggi dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, in sinergia con il Ministro per la Pubblica Amministrazione, Mario Brunetta e alla presenza dei diversi sindacati generali di categoria, Cisl, Cgil e Uil, con i rispettivi rappresentanti.

Sblocco dello smart working

La base comune è sbloccare lo smart-working e rendere il lavoro d’ufficio più agile e anche più green trapiantandolo a casa. Le linee imprescindibili vedono trasparenza nei servizi e maggiore comfort per le esigenze dei dipendenti pubblici. “Avviare una nuova stagione di relazioni sindacali che punti sul confronto con le organizzazioni dei lavoratori e porti a compimento i rinnovi contrattuali del triennio 2019-2021”, spiega una nota del Governo.
I tempi non saranno lunghi. Molto presto, fanno sapere dal Governo, sono previsti gli atti di indirizzo all’Aran per il riavvio della stagione contrattuale. I rinnovi interesseranno circa 3,2 milioni di dipendenti pubblici e che prevedono un aumento medio di circa 107 euro. Si tratta di un lancio nell’economica del paese anche grazie all’uso dei fondi del Recovery Plan.
G.G.
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button