fbpx
Nera

Morta la professoressa messinese in coma farmacologico dopo AstraZeneca

Non c’è stato nulla da fare per Augusta Turiaco, la professoressa messinese 55enne che si trovava in coma farmacologico. Nella tarda serata di ieri, infatti, i medici del reparto di Rianimazione hanno dichiarato la morte celebrale della donna.

Il decesso di Augusta Turiaco si aggiunge alle morti sospette avvenute dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Stesso brutale destino, è toccato a Cinzia Pennino, 46 anni, insegnante palermitana deceduta al Policlinico del capoluogo. 

Docente di musica presso la scuola media “C.D. Gallo”, la 55enne messinese aveva ricevuto l’inoculazione del vaccino l’11 marzo. E da quel giorno tutto è cambiato: il perenne mal di testa nascondeva una trombosi diffusa che ha portato dunque al triste epilogo. 

Sulla vicenda, la Procura di Messina aveva già aperto un’indagine. Il legale della famiglia, l’avvocato Daniela Agnello ha depositato un esposto in cui ripercorre la vicenda fin dall’inizio. La priorità al momento è fare chiarezza sulla vicenda e dunque, constatare un effettivo legame tra il decesso e AstraZeneca.

La famiglia ringrazia «l’encomiabile sforzo dei Medici del Policlinico di Messina che hanno seguito incessantemente la vicenda, facendo il possibile».

E.G.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button