fbpx
EconomiaPrimo Piano

Imprese, 5 milioni per le aziende lese dal covid

Arriva finalmente un sostegno alle imprese avviate tra il 2019 e 2020. La Regione stabilisce la somma di 5 milioni da destinare alle imprese colpite dal covid ne biennio scorso.

«Proseguono le misure di sostegno messe in campo dalla Regione a favore del sistema produttivo siciliano colpito dalla pandemia». Il presidente della Regione Nello Musumeci così annuncia l’agevolazione tanto attesa da parte di piccoli e grandi imprenditori che hanno investito nelle loro imprese nel biennio che va dal 2019 al 2020.

L’agevolazione viene concessa con procedura informatica su una piattaforma apposita fino a un massimo di 25 mila euro.
La dotazione finanziaria per le imprese è di cinque milioni di euro, provenienti dal Po Fesr Sicilia 2014-2020.

Il finanziamento, di minimo diecimila euro, è a tasso zero, prevede 48 rate e ha una durata complessiva di 72 mesi.

A gestire e curare l’istruttoria per ciascuna delle aziende coinvolte sarà l’Irfis. L’Irfis è una società finanziaria per il mediocredito con sede a Palermo, nata dalla trasformazione nel 2006 dell’IRFIS, Istituto Regionale per il Finanziamento alle Industrie in Sicilia. Azionista unico di IRFIS è la Regione Siciliana.

«Anche le piccole e medie imprese che hanno avviato l’attività nel 2019 o nel 2020, – continua Musumeci – con sede legale od operativa nell’Isola, infatti, possono beneficiare di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto».

Per ogni domanda di finanziamento si può richiedere un contributo a fondo perduto fino a un massimo di cinquemila euro per spese di sanificazione e adeguamento luoghi di lavoro (l’importo totale non deve comunque superare i 25 mila euro).

A gestire la piattaforma informatica e a curare l’istruttoria è l’Irfis, l’Istituto finanziario della Regione.
Lo sportello online sarà aperto dal 12 ottobre all’11 novembre.
La graduatoria sarà pubblicata sui portali: regione.sicilia.it (sezione assessorato Economia), irfis.it e euroinfosicilia.it.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button