fbpx
CronachePrimo Piano

Covid, Razza lancia appello al Governo: “Da Draghi scossa all’UE sui vaccini”

L’Assessore Regionale alla Salute Ruggero Razza, in occasione dell’apertura della campagna di vaccinazione rivolta agli over 80 lancia un appello al Governo: “Sui vaccini, come ha anche detto il presidente della Regione Nello Musumeci, non vogliamo essere truffati e vogliamo che ogni decisione venga condivisa con lo Stato. Però chiediamo di fare presto e non vorremmo fare da soli, ma che ci fosse quello sforzo atteso che possa portare, oltre le polemiche, a vaccinare tutte le persone anziane e quelle fragili“.

“Vaccinazione per chi ha disabilità gravissime parallela agli over 80”

“Le persone con disabilità gravissime- aggiunge l’assessore- secondo il piano nazionale dovrebbero essere vaccinate dopo gli over 80, ma se i vaccini non sono adeguati per completare gli ultra ottantenni in poco tempo, rischiamo di vaccinare le persone fragili ancora più avanti. Ed è intollerabile. Per questo- chiarisce-ho ritenuto opportuno chiedere al ministro quantomeno per i vaccini da destinare ai pazienti con disabilità gravi di potere procedere non a seguire, ma parallelamente agli over 80″.

AstraZeneca annuncia il taglio del 15% delle forniture

L’appello di Razza in un giorno cruciale per il piano vaccinale nazionale. AstraZeneca, infatti, ha annunciato il taglio del 15% delle forniture di vaccino. Tutto ciò porterebbe a nuovi ritardi sui tempi; la discussione sarà il fulcro dell’incontro tra le Regioni. Commenta l’annuncio di AstraZeneca il segretario del Pd, Zingaretti: «Gravissima la riduzione improvvisa della consegna di vaccini Astrazeneca. Noi ce la stiamo mettendo tutta ma con questa incertezza è tutto più difficile. L’Italia tuteli gli interessi nazionali e le programmazioni delle Regioni, intanto prepariamoci alla produzione di vaccini validati da Ema e Aifa da parte delle nostre aziende».

“Da Draghi scossa all’UE sui vaccini: indispensabile”

Ruggero Razza si ritiene speranzoso sulle manovre del nuovo governo. “Speriamo- afferma l’assessore regionale- che da parte del presidente Draghi ci sia quella scossa all’Europa che sulla campagna vaccinale è indispensabile. Vorremmo potere fare molto di più vorremmo potere riaprire immediatamente la piattaforma di registrazione e che ci fosse un numero talmente adeguato di vaccini da potere correre contro il tempo visto che la macchina organizzativa è rodata e preparata”.

G.G.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button