fbpx
CronachePrimo Piano

Bancarotta fraudolenta per oltre 250mila euro: denunciati padre e figlia

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, a seguito di articolate indagini e ricostruzioni contabili, hanno denunciato a piede libero due soggetti, risultati essere padre e figlia, in concorso tra loro, per fattispecie illecite di natura fallimentare e tributaria.

I due si sono resi responsabili del reato di bancarotta fraudolenta per distrazione per un valore totale ammontante ad € 268.410,00.

Le attività di indagine delle Fiamme Gialle della Compagnia di Caltagirone hanno fatto piena luce sulle vicende che hanno portato al fallimento di una società operante nel campo della rivendita di gioielli e preziosi. Questa faceva riferimento a due imprenditori ricadenti nella circoscrizione della Compagnia di Caltagirone.

A fronte di una elevata esposizione debitoria, il padre nonché titolare della società fallita, avrebbe depauperato il patrimonio societario attraverso l’artificiosa vendita sotto contabilizzata dei beni aziendali e del residuo della merce a favore della figlia creando in tal modo pregiudizio per la platea di creditori che dunque hanno visto assottigliarsi di molto le loro speranze nel venir risarciti dei crediti vantati.

I Finanzieri hanno quindi dimostrato come, di fatto, la società ha continuato ad operare a conduzione familiare, rimanendo sostanzialmente immutata eccezion fatta per la sola denominazione sociale e per l’integrità del patrimonio aziendale, intenzionalmente “svuotato” dal solo punto di vista contabile.

Al termine delle attività d’indagine, i militari della Compagnia di Caltagirone hanno provveduto a deferire alla locale Procura della Repubblica i due parenti conviventi per i quali è applicabile la reclusione fino a 10 anni.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button