fbpx
CronacheMafiaNewsNews in evidenza

Voto di scambio a Messina: 35 arrestati fra cui un consigliere comunale

Sono trentacinque gli arresti, firmati dal gip Maria Teresa Arena su richiesta dei pm Liliana Todaro e Maria Pellegrino della Dda diretta da Guido Lo Forte, in riferimento alla vicenda di voti di scambio avvenuta a Messina. Le misure cautelari sono state eseguite dalla Squadra Mobile di Messina.

Sembrerebbe che le campagne elettorali per le regionali del 2012, per le amministrative e le politiche del 2013 sarebbero state condizionate da una compravendita di voti mediata dalle famiglie mafiose dei quartieri Camaro-San Paolo e Santa Lucia Sopra Contesse.

Al momento sono 26 le persone finite arrestate, i 9 restanti si trovano ai domiciliari. Tra gli arrestati anche il consigliere comunale di Forza Italai (ex Pd) Paolo David, il quale era già indagato in Gettonopoli e accusato precedentemente di voto di scambio.

Nel corso dell’operazione, come riporta la sicilia, sono state sottoposte a sequestro 4 società che con il loro provento mantenevano attività illecite. I reati messi sul piano d’accusa sono diversi:
• associazione di tipo mafioso finalizzata alla commissione di reati contro la persona ed il patrimonio
• estorsioni
• spaccio di sostanze stupefacenti
• acquisizione della gestione o del controllo di attività economiche, di appalti e di servizi.

Le indagini hanno evidenziato l’esistenza di un’organizzazione che avrebbe raccolto un elevato numero di voti contando su persone gravitanti negli ambienti della criminalità organizzata che avrebbero attivamente procurato voti anche per esponenti della politica regionale e nazionale.

Ulteriori dettagli saranno resi noti che si terrà stamani, alle ore 11.00, alla Questura di Messina, nel corso di una conferenza stampa, cui prenderanno parte il Procuratore Capo Dr. Guido Lo Forte, i Sostituti Procuratori della DDA ed il Questore Giuseppe Cucchiara.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button