fbpx
CronacheNews in evidenza

8 marzo: Associazione Catenota commemora le vittime del femminicidio – GALLERY

Per la giornata di ieri otto marzo, giorno in cui si festeggiata la Donna, l’Associazione Catenota di Aci Catena presieduta da Agata Maiorca, ha organizzato una messa commemorativa per le vittime del femminicidio.

All’incontro, tenutosi presso la chiesa Santa Maria della Catena di Aci Catena, a partire dalle ore 18.30, hanno partecipato molteplici donne e anche uomini, con un fiocchetto rosso sul petto per solidarietà nei confronti di tutte quelle donne vittime di violenza che hanno subito e che subiscono senza difendersi.

«Vogliamo la piena applicazione della legge di Istanbul contro ogni forma di violenza maschile contro le donne, da quella psicologica a quella perpetrata sul web e sui social media fino alle molestie sessuali sui luoghi di lavoro. Pretendiamo che le donne abbiano rapidamente accesso alla giustizia, con misure di protezione immediata per tutte, con o senza i figli, cittadine o straniere in Italia», questo il pensiero di Agata Maiorca espresso per ricordare le vittime del femminicidio a conclusione della messa commemorativa svolta da Don Sebastiano Privitera.

A seguire l’intervento di Debora Borgese, referente nazionale Terra Nostra – Italiani con Giorgia Meloni: «Oggi abbiamo celebrato una giornata che purtroppo necessita di essere riconfermata. I diritti della donna continuano a essere calpestati e tramortiti in un mondo dove la figura e il valore della donna stentano a trovare affermazione, dal mondo del lavoro, alla vita sociale, alla vita di coppia.
Da sempre, alla donna, vengono riconosciute capacità e ruoli limitati esclusivamente alla procreazione, alla cura della prole e della famiglia. Ma noi donne possiamo dare e fare di più per la società e per noi stesse: non dimentichiamolo mai.»

Un ultimo intervento è toccato all’Avvocato Monica Foti che ha spinto le donne a volere di più per se stesse, a lottare, a rispettarsi da sole per farsi rispettare, ad avere la forza di agire e di non dipendere da un uomo che le tenga sotto scacco. Ed ha precisato che la lotta contro la violenza sulle donne non è una lotta contro l’uomo. Le donne non voglio essere inferiori o superiori all’uomo, vogliono solo stargli accanto alla pari, come uguali.

Al termine dell’incontro un ultimo saluto alle donne vittime di un qualunque tipo di violenza con un bouquet di palloncini rossi fatto volare in cielo.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button