MotoriNewsNews in evidenzaSport

Vince Pedrosa, Rossi abbatte Marquez e dice addio al mondiale

A Sepang vince Daniel Pedrosa, una gara dominata dalla pole position, davanti a Lorenzo e Rossi. Vittoria che passa in secondo piano per la sanguinosa bagarre tra Marquez e Rossi in apertura di gara, terminata con il contatto tra i due e la caduta dello spagnolo della Honda.

Contatto messo sotto accusa dai commissari di gara che hanno decretato la penalità per il dottore il quale partirà dall’ultima fila nell’ultimo match del mondiale a Valencia. Lorenzo recupera altri 4 punti su Rossi, si porta a 7 lunghezze e vede il titolo avvicinarsi vistosamente e concretamente nelle sue mani. Mondiale che sembra ormai finito e vinto da Jorge Lorenzo, non ancora matematicamente, salvo improbabili vicissitudini.

LA GARA. Parte bene Pedrosa che prende subito la testa della corsa seguito da Marquez e Rossi che si portano dietro le  due Ducati che precedono Lorenzo. Soltanto qualche curva e Lorenzo sorpassa entrambe le Ducati e Rossi, vede Marquez allargare la traiettoria e si infila guadagnando la seconda posizione. Da subito Rossi, per non perdere il compagno di squadra come era successo a Phillip Island, prova a sopravanzare Marquez accendendo la miccia di un duello caldissimo per numerosi giri.

Ogni curva è un sorpasso mozzafiato e rischiatutto da entrambi le parti, con più di un contatto tra le 2 carene, scintille che hanno come risultato l’allontanarsi dei 2 spagnoli davanti: Pedrosa e Lorenzo. Certamente i nervi sono al limite e i pesi sulla bilancia sono diversi per i due piloti, con Rossi a giocarsi il mondiale e Marquez la terza posizione. All’ennesimo sorpasso Rossi rallenta, allarga la traiettoria portando all’esterno lo spagnolo e guardandolo come a volerlo catechizzare. Il nuovo contatto termina con la caduta dello spagnolo a terra. Dubbiosa e sospetta la gamba di Rossi nell’impatto, gamba che si allarga dalla pedana e spinge, volontariamente o meno, la moto di Marquez che finisce a terra.

Episodio brutto che rovina un mondiale tra i più belli di sempre, ma non impedisce a Pedrosa di vincere la sua seconda corsa stagionale, in solitudine e davanti a Lorenzo. Pedrosa è definitivamente ritrovato.

Episodio che farà invece parlare a fine gara e che avrà importanti ripercussioni già da Valencia ma che troverà adito anche negli anni a venire.

Davvero difficile l’analisi della vicenda che avrà molte recriminazioni in casa Honda. Dure le accuse da parte di  Marc Marquez, a fine gara, ai danni di Rossi. Rossi imputato di aver calciato volontariamente la Honda dello spagnolo.

Il dottore si difende ammettendo di aver portato fuori traiettoria lo spagnolo per rallentarlo e non per farlo cadere, accusa Marquez di non essere stato imparziale e di aver voluto decidere le sorti del mondiale. “Marquez ha vinto” dichiarerà ai microfoni, “voleva farmi perdere il mondiale e ci è riuscito”.

Manca ancora una gara alla fine della stagione con Lorenzo molto avvantaggiato in virtù dell’ultima posizione da cui partirà Rossi in griglia a Valencia. Lorenzo che recriminerà a fine corsa un squalifica più pesante per l’italiano, salvato, a suo dire, soltanto dal suo nome importante.

Aldilà del titolo iridato di quest’anno, della gara di oggi rimane l’immagine rovinata di uno tra i più grandi uomini di sport di sempre, del più grande campione di motociclismo che non ha saputo avvalersi della sua esperienza. Istigato e sotto pressione Rossi ha commesso l’errore più grande della sua carriera che, probabilmente, non soltanto gli costerà il suo decimo mondiale.

Tags
Mostra di più

Andrea Lorenzini

Laureato in Scienze della comunicazione, con magistrale in Editoria e Giornalismo e votazione di 110/110 e lode presso l'università di Roma Tor Vergata. Appassionato di sport (che pratico in grande quantità), esperto di motori, mi occupo di comunicazione ma la vera passione è la scrittura. Il giornalismo in particolare lo considero "la pietra miliare della democrazia: il cane da guardia del potere". Sono amante della lettura, della buona compagnia e del vino, rosso e di qualità è meglio. Sogno nel cassetto? Reporter inviato, di sport ovviamente.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.