fbpx
CronacheNews

Villa Bellini, la prima biblioteca Eco Sostenibile di Catania

In nome della rigenerazione urbana il Frigobook sarà consegnato alla città domani

In Villa Bellini, domani alle 11 un frigorifero riadattato a biblioteca diventerà il primo scaffale eco sostenibile della città.

Tre studentesse dell’Accademia di Belle Arti di Catania hanno trasformato un frigorifero in disuso in un Frigobook

Il Frigo riadattato alla Villa Bellini conterrà libri di narrativa che ognuno potrà prendere scambiandolo con un altro. Tutto questo nella totale e libera autogestione. Presupponendo che il buon catanese sia abituato ad autogestire qualcosa. I primi volumi sono stati donati dal Lions Club Catania Gioeni. Il Club ha sostenuto il Progetto e il Comune di Catania lo ha patrocinato. Tutto supportato da Dusty.

La consegna

Villa BelliniSaranno presenti alla consegna: Patrizia Condorelli pres. Lions Club Catania Gioeni, gli assessori comunali alla Cultura, e all’Ecologia e Ambiente, rispettivamente Barbara Mirabella e Fabio Cantarella, l’amministratore unico Dusty Rossella Pezzino de Geronimo e Andrea Riccioni dir. Dusty Unità territoriale di Catania, e naturalmente le 3 studentesse e la docente dell’Accademia Daniela Costa.

Questo Frigobook alla Villa Bellini è l’esempio concreto di economia circolare: era un frigorifero destinato alla piattaforma di selezione e smaltimento poiché malfunzionante e invece quel rifiuto ingombrante diventerà una libreria “Pop Up” che sarà a disposizione di tutti.

Le tre creative che hanno permesso questo miracolo

Elisabetta Lo Greco, Roberta Giglio e Monica Vallerossa sono studentesse del 2° anno di Grafica e Illustrazione dell’Accademia delle Belle Arti. La professoressa Daniela Costa le ha seguite e incoraggiate. Dobbiamo a lei il risultato e ciò che ne conseguirà. Le ragazze hanno restaurato un frigorifero. Così hanno dipinto i tre lati della scocca esterna in lamiera. I ripiani diventeranno le mensole per tenere ordinati i vari libri. Questi sosteranno al suo interno almeno finchè qualcuno non li sostituirà con nuovi titoli. Curiosi di sapere quali sono le letture preferite delle istituzioni presenti all’evento. Perchè di certo faranno a gara ad inaugurare il bizzarro scaffale.

Il progetto era stato presentato lo scorso 9 ottobre, proprio al CCR d Picanello e in quella circostanza, si erano viste le prime significative trasformazioni.

Biblioteche in frigo o biblioteche comunali?

Certo è bizzarro come un frigorifero piazzato alla Villa Bellini diventi una biblioteca mentre le biblioteche comunali languono. Senza togliere il merito alle tre creative le quali capiranno molto presto, lo speriamo, che non basta ridipingere la scocca di un vecchio frigo per adempiere il nobilissimo atto del riuso. Ci lascia perplessa la completa mancanza di interesse pubblico almeno nei confronti delle biblioteche. La maggior parte dei catanesi non hanno idea di come si usino. Tanto più che una grossa fetta della popolazione meno abbiente ne trarrebbe enorme beneficio non avendo la possibilità di comprare testi di narrativa richiesti a scuola. Ma una candela nella notte sembra il sole quindi ci rallegriamo per l’iniziativa.

A.P.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker