fbpx
CinemaLifeStyleNews in evidenza

Victoria e Abdul di Frears: merita solo per la preziosa Judi Dench

Al cinema una storia vera emersa solo nel 2010 racconta la relazione speciale tra la Regina e il giovane servitore indiano Abdul

Victoria e Abdul del regista Stephen Frears è tratto dall’omonimo romanzo della giornalista Shrabani Basu e ispirato ad una storia vera.

La trama si svolge attorno alla relazione speciale – affettuosa e platonica – tra la Regina Vittoria, quasi settantenne, già oltre i cinquant’anni di regno, alla soglia degli anni novanta del XIX secolo, e il giovane servitore indiano Abdul Karim. Evidenziando un enorme scandalo dell’entourage e della famiglia che accusa la regina e imperatrice dell’India di essere impazzita, suscitando malumori a corte e portando il figlio della regina, Edoardo VII, a bruciare tutta la corrispondenza tra i due e ogni testimonianza di quella relazione.

Tanto che la figura di Abdul fu cancellata dalla storia, ma adesso venuta alla luce. Un rapporto improbabile e  inatteso, nato per caso nel corso della consegna di una moneta all’imperatrice d’India da parte di due indiani, uno dei quali il piacente Abdul. Tutto inizia quando lo sigaro di una regina imbronciata e annoiata incrocia per caso – in violazione dell’etichetta di corte – lo sguardo dell’esotico visitatore. Primo bagliore negli occhi, primo sorriso, e l’ inizio di un rapporto che col tempo andò consolidandosi e approfondendosi, dando modo alla regina di aprirsi al mondo che regnava ma non conosceva.

La presenza della perfetta e impeccabile, sontuosa Judi Dench, preziosa e valorosa alla sua seconda interpretazione della regina ( la prima “La mia regina” del 1997) vale solo la pena di vedere questo film.

I dialoghi sono spiritosi e intelligenti, fanno da collante al uno scontro di civiltà e di classe, ma il filo conduttore nel film è anche l’irriverenza. Il regista ci fa entrare nella quotidianità della regina, nei rituali di corte.

Paesaggi e scenari che sembrano spot di un agenzia del turismo, la cura dei dettagli, scenografie e costumi, lo rendono un film gradevole a cui però manca quel tocco in più che si aspettava da un regista come Frears.

Il messaggio finale che trasmette il film a voler scavare è come ancora una volta l’amicizia e l’amore possano superare le differenze religiose e permettere alle persone di legarsi tra loro.

Curiosità: La vicenda è emersa nei dettagli solo nel 2010. Colpita dall’aver trovato, nella residenza di Vittoria sull’isola di Wight, un ritratto di Abdul appeso nel suo spogliatoio privato, accanto a quello dell’amato John Brown, la scrittrice Sharabani Basu è andata in fondo alla cosa, ha recuperato i diari di entrambi e portato alla luce una parte di storia della corona che nessuno conosceva o ricordava.

Regia di Stephen Frears, con Judi Dench, Ali Fazal, Olivia Williams, Michael Gambon, Simon Callow, Eddie Izzard, Tim Pigott-Smith, Adeel Akhtar, Fenella Woolgar, Julian Wadham
Trailer: Victoria e Abdul

Trama: Nel 1887, Abdul parte dall’India per donare alla regina una medaglia in occasione delle celabrazioni per il suo Giubileo d’Oro ma, sorprendentemente, trova il favore della sovrana. Il loro improbabile rapporto senza precedenti scatena una battaglia all’interno della casa reale, che mette la regina a confronto con la corte e la famiglia.

Mostra di più

Giada Condorelli

Un incrocio di razze, culture e religioni, fa di me una curiosa cronica. Padre siculo normanno, da Lui eredito creatività ed amore per l'arte in tutte le sue forme. Madre libica di origine armena, da Lei eredito la forza di volontà ed il valore dell'arricchimento reciproco. Una Laurea in Politica e Relazioni Internazionali, un matrimonio d'amore, un Blog e infiniti sogni. Del multitasking ho fatto una filosofia di vita. Appassionata di moda senza esserne schiava, beauty addicted, amante del healthy food, per necessità, con mise en place chic! Foto e lifestyle sono parte integrante delle mie giornate...Pinterest ed Instagram la mia ossessione. Riesco a trovare la bellezza in ciò che vedo e la positività in ciò che accade. "L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai" ( Audrey Hepburn )

Potrebbe interessarti anche

Back to top button