fbpx
CronacheNews

Aci Trezza: da Facebook la raccolta firme per pedonalizzare la frazione marinara

“Aci Trezza no smog, sì sviluppo” è la pagina Facebook creata da Venera Giordano, a seguito di una raccolta firme da lei promossa in merito alla realizzazione di un percorso pedonale in via Provinciale da parte del Comune di Aci Castello.  Lo scorso mese di Aprile alcuni esponenti della seconda commissione  permanente del Comune avevano illustrato alla cittadinanza nuove possibilità, in previsione del periodo estivo,  per rendere il lungomare di Aci Trezza “liberato”, come a Catania, da auto e smog.

Il paese dei faraglioni è abbastanza vivo nel periodo estivo. Pullula di turisti e catanesi in fuga dalla centro cittadino, e spesso si rimane in coda per molto tempo. Una situazione snervante anche per residenti e commercianti.  Ed è proprio su questo punto che pare non ci sia ancora ad oggi una soluzione a causa di un flusso veicolare eccessivo e dell’impossibilità di un’ampia zona parcheggio. «Non sono d’accordo sull’idea che era stata proposta – afferma la Giordano – di far proseguire il grande flusso veicolare (proveniente per lo più da Catania) verso il parcheggio portuale impedendo il giro dal lungomare.»

«Da qualche mese – continua – sono impegnata a parlare con la gente ed i commercianti di Aci Trezza per proporre sulla pagina Facebook del Sindaco Filippo Drago l’idea di pedonalizzare il centro di un paesino che soffre gravemente del passaggio senza logica di tantissimi mezzi».

Si provi a pensare, ad esempio, a Taormina e al vantaggio economico e turistico che ne deriva. Del resto, come Aci Trezza, sono luoghi che vengono vissuti tutto l’anno.

Connesso al problema del flusso veicolare si associa quello dei posteggi. Oltre quello nell’area del porto e del mercato ittico, si era pensato di crearne uno ex novo nella zona collinare e franosa della via Litteri, ritenuta pertanto inagibile.

«Non voglio apparire visionaria -conclude- ma credo sia fondamentale il parcheggio dell’Hotel Marina Palace, o trovare una soluzione alternativa che abitui a lasciare le auto e magari proseguire in bici ».

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button