fbpx
NewsPolitica

Viabilità via D’Annunzio, Confcommercio: “D’Agata rispetti quanto promesso”

Catania –  Continuano i battibecchi tra l’amministrazione etnea e la Confcommercio sulla delicata questione del piano viario di via Gabriele D’Annunzio. Da mesi, infatti, sorgono polemiche, placatesi durante le festività natalizie con il ritorno al vecchio senso di marcia, e riprese con toni ancora più aspri in questi giorni. Come abbiamo raccontato, ieri alcuni commercianti hanno bloccato la messa dei cordoli per rendere le rotonde definitive, inserendosi tra i new jersey. (v.link)

La protesta certo non è stata gradita dall’assessore D’Agata, che ha promesso di andare avanti senza cambiare idea. Anzi, accusa i rappresentanti dei commercianti di aver fatto un passo indietro dall’accordo firmato ad inizio dicembre.

“È davvero inaudito – ha commentato l’assessore alla Viabilità Rosario D’Agata – quanto accaduto ,nonostante l’accordo sancito con Confcommercio all’inizio di dicembre e che veniva pienamente incontro alle richieste dei commercianti come sottolineato anche nel comunicato congiunto firmato dal presidente provinciale Riccardo Galimberti e da quello cittadino Giovanni Saguto. Ricordiamo tra l’altro come sia illegale bloccare un cantiere. Com’è ovvio l’Amministrazione andrà avanti programma concordato con i rappresentati dei commercianti”.
Nel corso della riunione di dicembre l’Amministrazione aveva sottolineato con i rappresentanti di Confcommercio la necessità di rivedere la viabilità in particolare nella zona di entrata Nord della città, da via Giuffrida, a corso delle Province, da piazza Lincoln a via Vittorio  Emanuele Orlando. Un territorio in cui entrano ogni giorno decine di  migliaia di macchine, il baricentro della città metropolitana, in cui  tra l’altro ci sono anche cinque istituti scolastici. I rappresentanti dei commercianti avevano concordato sulla necessità di operare per un nuovo piano  viario come negli obiettivi dell’Amministrazione, ragionando insieme  sulle migliorie da apportare.
“Quest’area – ha confermato D’Agata – riteniamo dovrà essere al centro di una rivisitazione per dar vita a nuovi e importanti interventi di viabilità, finalizzati a fluidificare il traffico”.

Dall’altro lato, la Confcommercio che accusa lo stesso Assessore di non aver rispettato ciò che aveva promesso ad agosto, ossia di ritirare il piano viario nel caso in cui, finita la sperimentazione, non avesse avuto successo.

“Sebbene non ci meravigliano più le incredibili ed allucinanti dichiarazioni dell’assessore d’Agata  –  si legge in una nota di Confcommercio – ci troviamo costretti a smentirlo, categoricamente, ancora una volta. Confcommercio non si è mai dichiarata d’accordo, né lo ha mai concordato, di dare seguito ad un piano viario che ha contestato sin dall’inizio. Infatti: a) ad inizio dicembre abbiamo ringraziato il Sindaco per il ripristino del vecchio piano viario fino al 5 gennaio, che, come dallo stesso dichiarato, serviva a dare una boccata d’ossigeno ai commercianti; b) abbiamo nel contempo auspicato e chiesto che quel periodo di dicembre si utilizzasse per studiare, come ci aveva prospettato lo stesso D’Agata, un piano viario dell’intera area Nord,cosa che, invece, non è avvenuta. La posizione ufficiale di Confcommercio, peraltro, è stata inequivocabilmente ribadita nella riunione del 17 dicembre con la commissione consiliare permanente viabilità presieduta dal consigliere Carmelo Sofia. La stessa commissione, inoltre, ha redatto ed approvato all’unanimità un documento con il quale, richiamando la posizione di Confcommercio e dei commercianti, ha chiesto al Sindaco e agli assessori D’Agata e Mazzola di sospendere il nuovo piano viario sino alla redazione di un nuovo e “concordato” piano nell’area Nord della Città (Richiesta Commissione Traffico). Il documento è stato inviato anche all’assessore D’Agata! Se ne è forse dimenticato? Perché non fa richiamo a questo documento ufficiale del 19 dicembre? Non lo cita perche il documento è sin troppo chiaro ed inequivocabile? Spieghino, invece, assessore e sindaco, perché disattendono l’univoca richiesta di sospensione del nuovo piano viario formulata all’unanimità dai componenti di ben tre organismi rappresentativi della Città: 3 municipalità, commissione consiliare viabilità, commissione consiliare commercio. Lo spieghino! Vero, inoltre, è che l’assessore D’Agata non ha rispettato quanto promesso il 5 agosto di fronte ad una decina di commercianti: di ritirare il nuovo piano viario qualora, finita la fase sperimentale, avesse creato ripercussioni negative al commercio, così come è stato.”

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker