fbpx
NewsNews in evidenzaPolitica

Viabilità a Catania, sempre più consensi per la pedonalizzazione di via Dusmet

La proposta di rendere isola pedonabile dell’Architetto Annamaria Pace riceve sempre più consensi, sia dal mondo politico sia dalle varie associazioni che da tempo si battono per rendere più vivibile e alternativa la mobilità a Catania. L’idea è quella di inserire dei dissuasori, come quelli presenti in piazza Università, in modo da garantire ai crocieristi e turisti che arrivano nella nostra città di raggiungere i siti di maggiore interesse storico-artistico.
“Credo che la proposta dell’architetto Annamaria Pace, – dichiara Niccolò Notarbartolo, presidente  della Commissione consiliare Lavori pubblici – di rendere pedonale un breve tratto di via Dusmet e sperimentare ulteriori interventi di micro-pedonalizzazioni nella città di Catania, sia ragionevole, fattibile e vada tenuta in seria considerazione dall’Amministrazione e dal Consiglio comunale. Porterò questa idea, nata da gruppi concretamente impegnati nel miglioramento della nostra città come Salvaciclisiti e Lungomare liberato, in Consiglio comunale affinché se ne discuta al più presto. Chiederò alla Commissione Lavori pubblici di avviare un confronto in modo da valutare come intervenire per rendere concreta un’idea finalmente diversa di mobilità – prosegue Notarbartolo – Sono convinto pure io infatti che basterebbero anche piccoli e semplici interventi per realizzare piste ciclabili, senza necessità di investire milioni di euro, o per chiudere al traffico piccole aree della città. Una città che sarebbe migliore per tutti: per i catanesi, per i bambini, per i tanti turisti che potrebbero godere delle nostre bellezze senza l’assedio delle auto”.
 Dello stesso parere il deputato Giuseppe Berretta: “Il progetto di pedonalizzazione del tratto di via Dusmet in prossimità di porta Uzeda, proposto dall’architetta Pace, è un’idea innovativa a costo contenuto che renderebbe vivibile uno degli scorci più belli di Catania. Per cambiare il volto alla città e per rendere fruibili le sue bellezze ai cittadini e ai turisti a volte basta veramente poco e questo caso ne è l’esempio lampante. Mi associo alla proposta e rilancio questo appello all’amministrazione comunale – prosegue Berretta – Con la chiusura di via Dusmet, infatti, la villa Pacini potrebbe essere finalmente  liberata dalla recinzione che ne limita la fruizione e diventerebbe un parco aperto a due passi dalla piazza più importante della città. Realizzare una pista ciclabile lungo via Etnea e prolungarne la chiusura al traffico fino all’incrocio con viale XX settembre è un progetto realizzabile con pochi investimenti e sarebbe un segnale di attenzione verso i commercianti del centro e verso i ciclisti e i pedoni che a Catania, anche se bistrattati da una città a misura solo di automobile,  sono sempre più numerosi” conclude Berretta.
L’Amministrazione comunale ha disposto, intanto, con una determina dirigenziale dell’Utu  366/2015, una programma di azioni di Mobilità Sostenibile in ambito urbano per incentivare l’utilizzo dei mezzi a emissione zero ed ibridi. Il provvedimento, finalizzato al disinquinamento ambientale e alla riduzione dell’impatto da traffico, riguarda in particolare i veicoli elettrici ed ibridi (benzina/metano) con motore elettrico.
Tali veicoli potranno circolare nelle ZTL (zone a traffico limitato) dell’intero territorio comunale.  Sono escluse soltanto le aree interdette al traffico veicolare, individuate con appositi provvedimenti amministrativi di circolazione e debitamente segnalate.
I veicoli elettrici ed ibridi potranno fruire della sosta gratuita, in tutte le aree su strada soggette a tariffazione, le cosiddette strisce blu, in tutta la città.
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker