fbpx
NeraPrimo Piano

Vessava i genitori da mesi, arrestato 23enne

Vessava e infliggeva torture ai genitori, il 23enne pretendeva da loro i soldi per acquistare la droga.

Arrestato dai carabinieri di Librino, F.A. di anni 23, indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione aggravata. Il giovane vessava i genitori e li constringeva a dargli i soldi necessari per l’acquisto della droga.

Il 23enne, immerso nel vortice della droga, e da questa dipendente, dopo un periodo di convivenza con una donna, dalla quale ha avuto una figlia, è tornato in casa dei genitori per tormentarli. L’uomo infatti quotidianamente li vessava in modo da avere i soldi per soddisfare le proprie esigenze. In caso di diniego minacciava loro di uccidersi. «Se non mi dai 30 eurp ti rompo tutte le cose», avrebbe anche esordito davanti la sorella di 11 anni.

Nonostante il tentativo dei genitori di farlo seguire dai medici dell’A.S.P. per iniziare un percorso di disintossicazione dalla droga, l’indagato ha rifiutato ogni aiuto. Il rifiuto si sarebbe manifestato non lavorando più in maniera costante e sperperando il poco denaro guadagnato.

Finito il denaro tornava a vessare i genitori fino ad una sera quando, dopo l’ennesima minaccia, la madre si era sentita male tanto da doversi recare in ospedale. Qui il giovane la raggiungeva per continuare a minacciarla e chiederle del denaro.

Ormai esausti i genitori sono stati pertanto spinti a denunciare il figlio ai carabinieri. Questo avrebbe consentito agli investigatori di raffigurare un quadro probatorio a carico dell’indagato che non ha lasciato alcun dubbio al giudice.

L’ufficiale giudicante concordando pienamente con la richiesta della Procura, ne ha ordinato l’arresto e la reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza.

E.F.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button