fbpx
Home DecorLifeStyle

Vecchi mobili prendono nuova vita

Progetto di restyling per trasformare con stile e rendere unici gli oggetti

I vecchi mobili, ereditati o scovati in un mercatino o da un rigattiere, possono sembrare solo un ingombro.

In realtà rappresentano spesso una grande risorsa che possiamo sfruttare dando loro una nuova vita.

 Se avete una vecchia poltroncina della nonna, dunque, non liberatevene.

Potreste trasformarla, per esempio, utilizzando un tessuto nuovo; dare una seconda vita ad un vecchio mobile è più facile di quel che si immagina.

Il vintage è bello sempre, si sa, basta saperlo adattare ed inserirlo, perchè no, anche a contrasto con i pezzi più attuali. ( Ne abbiamo parlato qui )

Ogni progetto di restyling porta con se la soddisfazione di aver contribuito a creare un pezzo unico, qualcosa di nuovo partendo dal vecchio con risultati davvero sorprendenti.

Ed ecco che vecchi divani e poltrone cambiano look, possono infatti essere recuperati e reinventati da abili mani.

È necessario effettuare un rapido check-up di alcune parti dell’imbottito, sì da valutare l’opportunità o meno dell’intervento di recupero, e se l’esito sarà positivo mettetevi subito a lavoro.

C’è chi ha la fortuna di conoscere l’arte del cucito e si cimenterà in un divertente relooking fai da te, e chi si rivolgerà ad un professionista la cui mano esperta, unita ai trucchi del mestiere, fa spesso la differenza sul risultato finale.

Determinante, per un risultato mozzafiato, sarà la scelta del tessuto.

Che siano colori e decori che ben si integrano con gli elementi, già esistenti nell’ambiente, che si intende mantenere.

Per le sedute di metà ‘900, tanto in voga in questo periodo, puntate sulle tinte unite con trama compatta, liscia e dai colori decisi.

Hanno talvolta un aspetto troppo austero e serioso e la scelta di una tappezzeria con colori brillanti le renderà più vivaci. Tessuto principe è sicuramente il velluto: la maggior parte delle maison d’arredo hanno presentato collezioni con palette di colori entusiasmanti.

Ed ancora, i disegni geometrici, vivaci e contemporanei, sono ideali per proggetti di recupero e ben si adattano al design retrò.

Per le sedute in stile si può optare, oltre che sull’utilizzo di un tessuto bizzarro, anche su una tinteggiatura della struttura in legno sì da conferirle un aspetto più leggero e stravagante.

Non escludiamo, infine, la possibilità di recuperare le sedute restando fedeli al loro disegno originario.

I modelli d’epoca hanno spesso più stile e personalità di quelli attuali.

L’importante è sceglierne con cura le finiture ed ecco che il recupero di un vecchio arredo porterà ad un risultato sorprendente.

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button