fbpx
MotoriNews in evidenzaSport

Valentino Rossi in SuperBike

Quando si parla del campione  più grande dell’epoca moderna in MotoGP, la notizia fa velocemente il giro del mondo. Valentino Rossi sarà “special tester” per la Yamaha in SuperBike a partire dal 9 Novembre, quando a Valencia finirà il mondiale MotoGP. La casa giapponese sta progettando il ritorno in grande stile nella massima serie delle moto derivate. Dopo 4 anni di assenza, infatti, il team sarà di eccellenza con il pilota britannico Alex Lowes e l’ex iridato Sylvain Guintoli.

La gestione tecnica del progetto andrà nelle mani di Paul Denning, ex Suzuki, mentre Valentino si occuperà dello sviluppo in pista della nuova YZF-R1. Difficilmente il dottore lascerà la MotoGP già alla fine di questa stagione, avendo dimostrato di essere altamente competitivo e di poter vincere il mondiale. Il contratto con la Yamaha in MotoGP scadrà però a fine 2016, quando Valentino avrà 38 anni e potrebbe essere ipotizzabile per lui una nuova avventura. Basti pensare al campione romano Max Biagi approdato in SuperBike a 36 anni e vincitore di due titoli.

Il dottore non è nuovo al mondo della SuperBike, avendo curato già nel 2001 il progetto di sviluppo della R1 e avendo assaggiato i test tecnici nel 2010 a Brno con eccellenti risultati. Lo sponsor tecnico del progetto sarà il marchio italiano PATA (che abbandona la Honda) gestito da Remo Gobbi con il quale Valentino già intrattiene rapporti commerciali per la sua VR46-Accademy.  Il sogno, neanche tanto nascosto del patron di PATA, è quello di portare il campione di Tavullia a gareggiare qualche round  già nel 2016 utilizzando delle wild cards, per poi puntare direttamente al titolo nella stagione successiva.

Al momento però ciò che interessa a Rossi, e ai suoi tifosi, è la corsa al titolo mondiale della MotoGP. Ancora 5 gare da correre per conoscere il vincitore finale. Prossima tappa, domenica alle 14.00 ad Aragon, Spagna, dove Rossi arriva da capolista e con 23 punti di vantaggio sul diretto rivale Jorge Lorenzo, in cerca di riscatto dopo la brutta caduta di Misano.

Tags
Mostra di più

Andrea Lorenzini

Laureato in Scienze della comunicazione, con magistrale in Editoria e Giornalismo e votazione di 110/110 e lode presso l'università di Roma Tor Vergata. Appassionato di sport (che pratico in grande quantità), esperto di motori, mi occupo di comunicazione ma la vera passione è la scrittura. Il giornalismo in particolare lo considero "la pietra miliare della democrazia: il cane da guardia del potere". Sono amante della lettura, della buona compagnia e del vino, rosso e di qualità è meglio. Sogno nel cassetto? Reporter inviato, di sport ovviamente.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.