fbpx
CronacheNews

Università di Catania: il video contro i posteggiatori

Gli studenti di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania non sono fra i più fortunati…visto che spesso sono vittime dei posteggiatori abusivi che si aggirano a Piazza Dante nelle vicinanze del Monastero dei Benedettini.

Università di Catania: Monastero dei Benedettini sede della Facoltà di Lettere e Filosofia
Università di Catania: Monastero dei Benedettini sede della Facoltà di Lettere e Filosofia

Oggi, dopo l’ennesima aggressione che si è perpetrata ai danni di una signora che doveva partecipare ad un seminario organizzato dall’Università di Catania, la studentessa di Lettere Laura Trovato ha deciso di realizzare un video contro i posteggiatori abusivi e al contempo lanciare l’hashtag #monasteroabusivo #noncisto.

Nel video  la studentessa lancia un appello: «sensibilizzare la stampa e le autorità locali riguardo il problema dei parcheggiatori abusivi». La ragazza nel video afferma di non farcerla più per questi posteggiatori abusivi che «chiedono il pizzo sotto gli occhi di chiunque» e lancia l’hashtag #monasteroabusivo #noncisto.

Raggiunta dalla nostra redazione, Laura Trovato ha affermato che  «l’iniziativa è partita in maniera autonoma, ma con la speranza di coinvolgere quanta più gente possibile. La mia speranza è quella di creare un gruppo ove si possa discutere concretamente per risolvere questo problema  (che è di tutti)»

Alla ragazza abbiamo chiesto se i parcheggiatori sono la causa o la conseguenza di una città come quella di Catania votata alla crisi e al degrado. Alla domanda la studentessa ha risposto: «I parcheggiatori secondo me sono contemporaneamente causa e conseguenza. La nostra città non ha mai brillato per quel che concerne  rispetto delle regole e civiltà, ma è anche vero che da un po’ di tempo a questa parte le amministrazioni locali sono sempre più strafottenti. Questo ha naturalmente generato il netto peggioramento della vivibilità catanese.»

Infine la studentessa ha lanciato un appello: «Mi auguro davvero di essere supportata con altri video. Penso sia fondamentale far passare il messaggio che tutti siamo disposti “a rischiare”senza trincerarci dietro un unico nome o peggio ancora solo tramite social network»

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button