fbpx
CronacheIntervisteNewsNews in evidenzaUniversità

Unict: ai benedettini gli studenti dichiarano guerra ai parcheggiatori abusivi

Negli ultimi giorni, a Catania sono ritornate alla ribalta le problematiche legate al fenomeno dei parcheggiatori abusivi. L’argomento è stato nuovamente evidenziato all’attenzione dell’opinione pubblica grazie alla segnalazione fatta dalla giovane studentessa di Lettere Laura Trovato, la quale nel corso della scorsa settimana mentre si stava recando all’ex monastero dei benedettini per seguire un seminario, ha subito una pesante aggressione verbale all’interno della facoltà dopo aver rifiutato di pagare il “pedaggio” della macchina ad un parcheggiatore abusivo di piazza Dante.

Lo spiacevole episodio, ultimo di una lunga serie, ha convinto Laura Trovato ad iniziare una campagna di sensibilizzazione contro il fenomeno dei parcheggiatori abusivi in piazza Dante. Aiutata da alcuni suoi colleghi come Giuseppe Marletta e Martina Gravagno, la Trovato ha inaugurato una serie di video virali contro i parcheggiatori abusivi con gli hashtag #monasteroabusivo e #noncisto.

Questa mattina, per dare una continuità all’opera iniziata tramite i video diffusi sui vari social network, presso il giardino dei novizi della facoltà di lettere e filosofia di Catania, una cinquantina di studenti universitari provenienti da diversi corsi di laurea si sono riuniti per discutere della problematica e per studiare insieme delle soluzioni condivise. Alla fine di questo incontro preliminare sono emerse alcune novità significative.

Prima di tutto la volontà di creare un Flashmob in piazza Dante con una data ancora da stabilire per sensibilizzare la cittadinanza sulla piaga dei parcheggiatori abusivi. In secondo luogo, l’intenzione di coinvolgere nel progetto tutti i docenti universitari ed infine l’obiettivo non meno importante di coinvolgere più persone possibili affinchè si possano continuare a girare dei video allo scopo di mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sulla tematica. Intanto, in attesa dei prossimi incontri del gruppo di studenti che ha deciso di combattere contro i parcheggiatori abusivi, Laura Trovato è stata convocata dal questore di Catania dott. Marcello Cardona per una riunione.

Intervistata dai nostri microfoni, la portavoce del citato movimento Laura Trovato si è espressa in questi termini: <<Quello capitato a me non è il primo episodio di questo genere dato che lo scorso anno un ragazzo è stato persino preso a schiaffi da un parcheggiatore abusivo per non averlo pagato; bisogna però dire che la situazione è degenerata negli ultimi due anni perchè prima era molto più gestibile dato che lasciare soldi ai parcheggiatori abusivi non era un obbligo come invece lo è adesso. Tuttavia, nel mio caso non si è trattata di violenza fisica, bensì di una violenza verbale avvenuta dentro il cortile della facoltà. A mio avviso questa problematica va risolta ed affinchè sia risolta stiamo coinvolgendo quante più persone possibili sia per sensibilizzare la cittadinanza e di conseguenza per fare mobilitare le istituzioni e le forze dell’ordine. Inoltre, oramai la piazza Dante non esiste più dato che si è trasformata tutta in un unico grande parcheggio; questo non fornisce una buona impressione ai tanti turisti che frequentano la zona per visitare i vari beni culturali che ci sono visto che i pullman faticano persino a transitare. Questa per adesso è una nostra iniziativa che nasce in maniera del tutto autonoma senza l’aiuto di docenti e senza l’aiuto dei rappresentanti degli studenti. Obiettivi? Sicuramente non possiamo estirpare il fenomeno, ma vorremmo che i parcheggiatori abusivi smettessero di obbligare le persone a pagarli perchè il gesto di dargli qualche euro deve essere libero. Soluzioni? Il massimo possibile sarebbe quello che piazza Dante fosse chiusa al traffico veicolare, ma vorremmo che ci fossero maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine>>.

 

Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button