fbpx
FoodLibriLifeStyle

Un viaggio a cena con l’Autore allo Sheraton di Catania

Immagina di poter osservare i paesaggi dei Caraibi e del Sud America sorseggiando un cocktail di benvenuto che anticipa una ricca degustazione di cibi dal gusto esotico e tropicale. Immagina di poter navigare con la mente ascoltando le parole di un viaggiatore che diffonde la sua voglia di scoprire nuovi paradisi. Immagina che il cibo assaggiato riesca a farti percepire il gusto di “ogni parte del mondo”: il piccante, lo speziato, il dolce e il delicato.

Questo, e molto altro ancora, è accaduto allo Sheraton Catania Hotel con “L’autore per cena”, un idea di Ornella Laneri (Managing director dello Sheraton). Il progetto si propone l’obiettivo di restituire all’hotel l’originario significato di “transito”, “accoglienza” e “condivisione” di esperienze durante il viaggio della vita. L’autore per cena crede nella valorizzazione dell’Arte intesa come un percorso di conoscenza da esplorare con il gusto, l’olfatto, il tatto, la vista e l’udito per mezzo di ampi spazi “invasi” da parole, immagini e sapori del cibo appena cucinato.

L’appuntamento di febbraio ha visto protagonisti tre artisti che hanno interpretato il tema del viaggio in maniera diversa ma complementare.

12794675_563554450490236_3970355709301561823_o

Marco Mangione, classe 1986, è riuscito a trasmettere la bellezza di paradisi esotici e selvaggi con il suo live-painting-visioni su carta Latitudine Sud presso la Fon Art Gallery. I disegni hanno reso omaggio a Corto Maltese, un personaggio dei fumetti ideato da Hugo Pratt nel 1967. Corto Maltese è un marinaio viaggiatore che ha allontanato la certezza della ricchezza in cambio della libertà che si prova nell’esplorare terre nascoste e nuovi orizzonti.

 

Ed è sulle orme di Corto Maltese che il secondo ospite della serata Marco Steiner (dentista, medico e scrittore) ha ambientato il suo ultimo romanzo intitolato Oltremare edito da Sellerio. L’autore ha raccontato al pubblico con ironia di essersi avvicinato alla figura di Corto in una maniera inusuale: era il dentista del disegnatore di Corto, Hugo Pratt. 12787133_1201812189881572_1579167246_oDa quel momento è nata una piacevole collaborazione colorata di viaggi, letteratura, cinema e avventure di vita. La letteratura secondo Steiner non è semplice racconto, ma “letteratura di viaggio nel viaggio”. Una letteratura che non si ferma alla penna ma fotografa con gli occhi e disegna con le parole gli itinerari percorsi da Corto nei suoi viaggi da marinaio: Europa, Asia, Caraibi e Sud America.

“Per descrivere autenticamente Corto, bisogna ripercorrere le tappe del suo viaggio sentendosi viaggiatore e non turista“. 

Ecco la differenza su cui Steiner fa riflettere: bisognerebbe vivere ogni esperienza della vita come un viaggiatore che plana con il cuore libero sulle cose, non come un turista che le osserva distaccato da lontano con una mappa in mano.

12809945_1201812266548231_2048089837_oIl sapore di viaggio è stato prolungato da odori e profumi esotici della cena preparata dallo chef Saverio Piazza – Il Timo Gourmet Restaurant. Marco Steiner ha contribuito con simpatia e impegno alla preparazione della cena, in particolare si è dedicato alle spezie usate per condire i pasti  pestando foglie di mandarino in un mortaio e unendo il composto ad altri sapori del mondo.

 

La ricerca delle spezie ha arricchito cibi apparentemente poveri trasformandoli in veri e propri viaggi per i sensi capaci di farti assaporare ogni parte del mondo.

Il menù di Saverio Piazza ha accostato sapori decisi e delicati, piccanti e dolci ricordando l’Europa, l’Asia, i Caraibi e il Sud America.

  • Sarde in saor e crostini di pane al rosmarino
  • Riso selvaggio con datteri e agnello al profumo di arancia
  • Tonno scottato con crema di melanzane bianche e pepe nero della Cambogia
  • Crostatina di carrubo con ricotta e mandorle tostate

 

L’autore per cena ha dato la possibilità di diventare viaggiatori di se stessi, sperimentando ed assaporando l’arte del viaggio in tutte le sue forme.

“quando il destino traccia dei fili rossi dobbiamo imparare a seguirli”. Cit. Marco Steiner

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button