fbpx
Giudiziaria

Uccise il rivale in amore, chiesto l’ergastolo

È stato chiesto l’ergastolo per Ignazio Sciurello, accusato di aver ucciso il 32enne Massimo Pappalardo. L’uomo è stato catturato dopo una lunga ricerca a Thiais, a pochi km da Parigi. Sciurello è stato trovato in un ristorante e non ha opposto resistenza ed ha subito avvisato gli agenti, in accento siciliano, di non sapere il francese esibendo una carta d’identità risultata poi contraffatta.

Richiesta anche la condanna di Massimo Distefano per concorso ‘anomalo’ in omicidio e distruzione di cadavere; a 10 anni per Giuseppe Sciurello per concorso in distruzione di cadavere e favoreggiamento personale; a 4 anni per favoreggiamento personale per Antonello Claudio Cosentino.

La vicenda

Pappalardo è stato prima ucciso con quattro colpi e poi bruciato dall’ex fidanzato della compagna a causa della gelosia. Alle ore 2.30 circa la donna aveva ricevuto una telefonata anomala dal Pappalardo il quale, senza alcuna plausibile spiegazione, le diceva che dovevano lasciarsi in quanto voleva ritornare con la sua ex fidanzata. L’uomo aveva avuto in precedenza una denuncia per stalking da parte della donna.

La donna aveva capito immediatamente che Pappalardo era stato costretto a fare quella telefonata sotto minaccia.

Ignazio Sciurello, insieme a Distefano, sarebbero usciti dall’abitazione di Pappalardo e, saliti sulla Toyota Aygo, si sono diretti nelle campagne di Paternò.

Giunti in una piazzola di sosta, dopo un’altra animata discussione, Sciurello ha colpito con quattro colpi di pistola Pappalardo. I killer, dopo avere caricato il cadavere sulla Toyota Aygo, andavano in Contrada Poggio Monaco dove spingevano la macchina in un dirupo. Dopo alcuni minuti, è giunto sul posto Sciurello Giuseppe che, dopo aver portato via Ignazio Sciurello, insieme a Distefano hanno bruciato l’auto con il cadavere.

DS

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button