fbpx
CronacheNews

Turn over e assunzioni, possibile blocco a Catania

Il comune di Catania come sinonimo di inefficienza a causa del blocco del turn over all’interno degli enti locali. È il grido d’allarme lanciato dal sindacato Snalv Confsal, dopo la recente approvazione del decreto Enti Locali 2017.

Ne hanno parlato Antonio Santonocito Segretario Regionale Sicilia Snalv-Confsal, Giuseppe Scalia Coordinatore Snalv-Confsal al Comune di Catania e Maria Mamone Segretaria Nazionale Snalv-Confsal.

Nonostante, infatti, si apra uno spiraglio sul ricambio di personale che va dal 25% al 75%, solo i comuni con più di 10mila abitanti e soprattutto con una buona sostenibilità finanziaria potranno sbloccare le nuove assunzioni. Requisito, quest’ultimo, che Catania e molti altri comuni non sono in grado di garantire.

Catania rappresenta un esempio concreto della situazione che vivono moltissimi Comuni in tutta Italia. Da anni soffre della carenza di personale e penuria di mezzi. Basti pensare al corpo dei Vigili Urbani che è di poche centinaia di unità e con personale di età media di oltre 50 anni. “Si va avanti solo con l’opera di alcuni dipendenti che sono stati spostati dagli uffici per ricoprire il ruolo di operatore di polizia stradale. Una mansione che non è riconosciuta contrattualmente”, spiega Giuseppe Scalia Coordinatore Snalv-Confsal al Comune di Catania.

Eppure deve fare i conti con i problemi di cassa che non permetterebbero di superare questa criticità. “Oggi i comuni sono sull’orlo del baratro e sono incapaci di competere a livello internazionale e rispondono alle esigenze in modo raffazzonato. Riconoscere la mansione e la progressione verticale significa invece dare risposte a un mondo lavorativo che ha un contratto nazionale bloccato da anni e rendere l’amministrazione più efficiente in favore di cittadini e imprese. Non essere all’altezza di questo compito è un lusso che on possiamo permetterci”, dichiara il segretario regionale dello Snalv Confsal Antonio Santonocito.

Una difficoltà quindi oggettiva che per lo Snalv Confsal bisogna superare e, per questo motivo, è stata lanciata una petizione nazionale per superare il concorso pubblico in presenza  di precedenti collaborazioni e per rispondere alla necessità di ripristinare le procedure di progressione verticale così da garantire l’efficienza nel caso in cui non fosse possibile bandire concorsi per mancanza di copertura economica.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.