fbpx
Cronache

Scuole di Trecastagni: bambini al gelo, probabile Natale anticipato

A Trecastagni, le scuole elementari e medie dell’Istituto Comprensivo “E. Patti”, sono senza riscaldamenti da ormai troppo tempo. È questo il grido disperato che i genitori dei bambini che frequentano le due scuole hanno voluto lanciare.

A denunciare la situazione sono proprio alcune mamme, che armate di buona volontà, hanno esposto lo stato delle scuole alla nostra redazione ma anche alle autorità competenti, chiedendo anche un ispezione sanitaria.

Il problema nasce da disguidi burocratici che, di fatto, hanno costretto insegnanti ed alunni a svolgere le lezioni senza le caldaie. Quelle vecchie sono state smontate per essere sostituite da quelle nuove, che però tardano ad arrivare.

Se il resto dei lavori di ammodernamento energetico sono stati completati, la messa in funzione delle nuove caldaie sarebbe prevista per il periodo successivo alla festività natalizie o poco prima.

Purtroppo le temperature a Trecastagni sono notoriamente molto basse rispetto ad altri comuni costieri, pertanto per i bambini, fino alle festività natalizie si prevedono temperature glaciali.

L’Amministrazione, già a conoscenza del problema da luglio, ha pensato di risolvere la complicazione acquistando 18 stufe elettriche ma i dubbi sull’efficacia della misura “palliativa” restano. Non si sa se l’impianto elettrico della scuola sarà in grado di sopportare il carico delle 18 stufe, certamente le stesse non sono sufficienti per riscaldare le grandi aule degli edifici.

In totale i due plessi scolastici contano ben 32 classi più i laboratori, senza considerare le restanti stanze e corridoi. Quindi il personale scolastico dovrebbe, per forza di cose, provvedere allo spostamento delle suddette stufe per tentare di riscaldare tutte le parti degli edifici.

Sembrerebbe che la questione non verrà risolta in tempi rapidi e molto probabilmente gli alunni delle scuole di Trecastagni saranno costretti alle vacanze anticipate, in attesa delle caldaia nuove.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker