fbpx
CronachePrimo Piano

Trasporto aereo, arrivano i ristori per i gestori aeroportuali e i prestatori di servizi

È stato votato e inserito nella legge di bilancio l’emendamento che prevede ristori per 450 milioni di euro da destinare ai gestori aeroportuali e 50 milioni per i prestatori dei servizi aeroportuali. Cosi come richiesto dalle organizzazioni sindacali, inoltre, è stato votato l’integrazione del Fondo di solidarietà COVID anche nel caso di cassa in deroga. Un diritto dapprima negato a centinaia di lavoratori del Trasporto Aereo. Grazie all’intesa sarà attivato per dodici settimane: dall’1 gennaio al 31 marzo 2021, ultimo giorno per il blocco dei licenziamenti.

Grande vittoria per il segretario generale della Cgil di Catania, Giacomo Rota, e per il segretario generale della Filt Cgil, Alessandro Grasso.

«Un obiettivo raggiungo frutto del grande impegno della nostra organizzazione, non solo a livello nazionale ma anche partendo dai territori. Siamo soddisfatti di questo esito, reso possibile anche da un atteggiamento collaborativo sia PD che di Movimento 5 stelle sia locali che nazionali e dei loro rispettivi parlamentari. Ma anche delle forze di opposizione. Per una volta, la buona politica ha vinto una partita importante».

Rota e Grasso non nascondono che «quanto fatto può essere considerato un ottimo punto di partenza ma da solo non basterebbe ad appianare difficoltà così gravi. Non è stato ad esempio previsto alcun aiuto per il settore  autonoleggio, in ginocchio come tante altre fasce del turismo. Auspichiamo anche che il tema dei precari torni al centro dell’attenzione. Al momento sono lavoratori espulsi che non facilmente torneranno operativi».

Resta infine, ma non per ordine di importanza, il tasto della trasparenza della spesa dei ristori.

«Cgil e Filt di Catania vigileranno su come questi soldi verranno spesi – concludono Rota e Grasso- perché chi riceve denaro pubblico dovrà usarlo per rendere più competitiva l’ impresa, per rafforzare la sicurezza e la solidità del lavoro. Non certo per fare cassa o favorire assunzioni clientelari».

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button