NeraPrimo Piano

Tentativo di aggressione alla Guardia Medica: arrestato straniero

Ancora un’aggressione presso una Guardia Medica. Questa volta è accaduto a Vizzini, nel pomeriggio di ieri, 10 gennaio. Nessuna conseguenza per il medico di turno.

Ancora un’aggressione, ancora una volta medici a rischio

La storia si ripete ancora, in quest’occasione senza gravi conseguenze. Il fenomeno, però, preoccupa non poco la classe medica, presa di mira dal delinquente di turno. Se oggi raccontiamo soltanto di un tentativo andato a male, lo dobbiamo alla risolutezza del dottore di turno presso la Guardia Medica di Vizzini: accortosi dell’infrazione in corso grazie alle videocamere di sorveglianza, il medico ha subito attivato l’allarme collegato con la Centrale operativa della vigilanza privata, la quale ha avvertito a sua volta i Carabinieri. Il pronto intervento delle Forze dell’Ordine ha vanificato gli sforzi dell’aggressore, del quale restano ancora ignote le ragioni del reato. I danni si sono così limitati al danneggiamento della porta dei locali del Punto di primo intervento, sfondata a calci.

L’uomo, un trentenne di nazionalità straniera, era costretto agli arresti domiciliari. Al momento dell’arresto, è stato trovato in stato di ebbrezza. Dopo l’arresto, è stato condotto presso il carcere di Caltagirone.

I ringraziamenti del Commissario dell’ASP ai Carabinieri

Parole di gratitudine e riconoscenza da parte del Commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catania, Maurizio Lanza, nei confronti delle Forze dell’Ordine, che hanno scongiurato un finale ben più grave. «Ringrazio i Carabinieri per il loro pronto intervento. I sistemi di sicurezza a tutela degli operatori, voluti fortemente dall’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, hanno funzionato e hanno garantito la sicurezza del medico».

Il dott. Lanza si è pure premurato di telefonare al medico aggredito, al fine di sincerarsi delle sue condizioni di salute e al contempo manifestare la propria vicinanza. Lanza ha inoltre dichiarato che l’ASP di Catania si costituirà parte lesa nelle sedi opportune, a fianco del medico.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.