fbpx
Nera

Scandalo al Fermi-Eredia: telecamere nei bagni della scuola per “spiare”

Aveva installato una piccola telecamera all’interno dei bagni maschili della scuola, al fine di “spiare” i suoi compagni.

Autore dell’accaduto, un giovane studente dell’Istituto di istruzione superiore “Fermi-Eredia”, sito in via Passo Gravina, il quale è stato denunciato.

La scoperta.

Tutto è partito dalla scoperta di uno studente. Il ragazzo, infatti, ha notato in una delle pareti del bagno un movimento sospetto, confermato poco dopo. All’interno del muro era stata installata una piccola microcamera, al fine di osservare gli studenti nell’intimità.

Una volta che il ragazzo ha rimosso la telecamera, ha segnalato prontamente l’accaduto alla direzione della scuola. Ma, come è naturale, la scoperta ha suscitato rabbia e disgusto da parte degli altri studenti.  Non a caso, il giovane che aveva segnalato la presenza della telecamera ha avuto un’accesa discussione con un altro studente il quale ha tentato di distruggere la microspia.  Quest’ultimo era proprio il colpevole.

Attraverso varie indagini si è scoperto che la piccola videocamera era collegata ad un sim telefonica, la quale poi trasmetteva su uno smartphone o tablet, proprio le immagini scattate all’interno dei bagni. È stata proprio la sim lo strumento principale per risalire al colpevole.

Una volta ispezionata la casa dello studente accusato sono state rinvenute proprio le immagini incriminate.

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button