fbpx
GiudiziariaNews

Tecnis: Dissequestrati i beni e le società

Accolta la richiesta della procura, il tribunale di Catania ha disposto il dissequestro e la restituzione del 100 % delle quote sociali ai proprietari Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice.

Le società avranno l’obbligo di comunicare per tre anni al questore e al nucleo di Polizia Tributaria di Catania gli atti di disposizione, di acquisto di pagamenti effettuati, gli incarichi professionali, di amministrazione nonchè i contratti conclusi di valore non inferiore a 250 mila euro.

Viene disposta la revoca della misura di prevenzione dell’amministrazione giudiziaria dei beni per lo svolgimento di tutte le attività economiche ed imprenditoriali esercitate da:

  • Tecnis Spa
  • Artemis Spa
  • Cogip Holding srl
  • Consorzio stabile Uniter
  • Salerno Posta Ovest S.C.A.R.L.
  • Cuma S.C.A.R.L.
  • Medio Sarno S.C.A.R.L.
  • Nord Sud S.C.A.R.L.
  • Salaria S.C.A.R.L.
  • San Marco S.C.A.R.L.
  • San Quirico S.C.A.R.L.
  • Spoleto S.C.A.R.L.
  • Ternirieti S.C.A.R.L.
  • Tiburtina S.C.A.R.L.
  • Calata Bettolo S.C.A.R.L.
  • Metro Catania 2013 S.C.A.R.L.
  • Gubbio S.C.A.R.L.
  • Sangro S.C.A.R.L.
  • Cogip Infrastrutture spa
  • Gestioni immobiliari spa
  • Gardenia srl
  • immobiliare Monte dei Cocci
  • Ospedale della Piana Gioia Tauro
  • Ospedela della Sibaritide
  • Marina di Naxos srl
  • Porto turistico Marina di Ragusa
  • Risanamento San Berillo
  • Sintec spa

Il Merito

Nel provveddimento del tribunale vengono smentite le ipotesi in ordine ai contatti tra i vertici di Cosa Nostra palermitana e gli azionisti della Tecnis.

Quanto alla vicenda relativa al subappalto dei lavori lungo la SS n. 118 Corleonese – Agrigentina è nello stesso provvedimento che si chiarisce che i contatti tra i Lo Piccolo (famiglia appartenente a Cosa Nostra) avvennero non già con Concetto Bosco, proprietario della Tecnis, bensì con un omonimo geometra acese.

Nelle conclusioni del provveddimento viene evidenziato che la gestione e il continuo controllo sui fornitori della società nel corso del procedimento di amministrazione straordianria non ha evidenziato nessun tipo di contatto con società sospette o legate con associazioni di tipo mafioso.

La Tecnis, viene rilevato, aveva intrapreso già da prima dell’amministrazione giudiziaria un percorso di ritorno alla legalità o quantomeno di allontanemento dell’azienda dagli ambienti della criminalità organizzata

Mostra di più

Fabiola Foti

38 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 20 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente assistente parlarmentare con mansioni di Ufficio Stampa presso il Parlamento Europeo. Fondatore della testata online L'Urlo.
Back to top button