CronacheEconomiaNewsNews in evidenza

Tassa sull’aria condizionata? Una bufala, ecco perché

condizionatore_salvini_bufalaNotizie e smentite. Non è il caso Crocetta, almeno per questa volta. L’oggetto della questione sarebbe una fantomatica tassa che graverebbe per 200 euro a famiglia sui condizionatori. La notizia ha fatto il giro dei social propagandosi poi nei giornali online (Libero, Il Giornale, Il Fatto Quotidiano, La Re pubblica, ecc) per passare poi anche ad alcune tv nazionali. Titoloni della serie “Renzi tassa l’aria condizionata, 200 euro a famiglia). A cascarci anche alcuni politici, tra i tanti Matteo Salvini. (Guarda la foto)

Peccato però che nessuno abbia letto la legge che recepisce una direttiva europea. Peccato che la legge in questione sia figlia di un provvedimento del 16 aprile 2013 quando, con il decreto n° 74 firmato dall’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il governo Monti approvava il ‘Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell’articolo 4, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192’, entrato poi in vigore il 12 luglio dello stesso anno.

Prima bufala, all’epoca, il premier era a tutti gli effetti Mario Monti, ed è stato il governo Monti a trasformare una direttiva arrivata da Bruxelles in materia di condizionatori e caldaie, in legge. Non il governo Renzi, che non era in carica.

Secondo bufala, la tassa – spiega il decreto – riguarda solo quegli impianti con potenza superiore ai 12 kw. Un esempio, la media di kw dei condizionatori fissi in vendita nelle principali catene di elettrodomestici e normalmente presenti negli appartamenti o negli uffici varia dai 3 kw ai 6. E se qualcuno dovesse superare il tetto dei 12 kw, solo in quel caso allora il decreto impone non solo la compilazione del libretto, ma anche il controllo a cura di un tecnico specializzato cui spetta il compito di certificare i rapporti di efficienza energetica.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.