fbpx
Senza categoria

Tamagoyaki, la vera ricetta

Tamago significa uovo e con le uova in Giappone si cucina davvero di tutto! Dalle fritturine e le pastelle per tempura, le pastelle per takoyaki, guarnizioni di uova all’interno di zuppe e porzioni di sushi, per alcuni dolci e molte altri piatti ancora.

Oggi parleremo della tipica frittatina giapponese che non manca mai all’interno di bento box e che viene molte volte usata anche come guarnizione per onigiri e sushi “roll”, questa particolarissima frittatina è conosciuta con il nome di:

Tamagoyaki

tamagoyaki

 

Si tratta di una frittata dalla forma a mattoncino, questa forma è dovuta al metodo di cottura che vedremo in seguito e che conferirà al vostro squisito piatto un aspetto davvero carino ma soprattutto una consistenza tenera, morbidissima e spumosa!

La versione che vi proponiamo è quella con una percentuale di zucchero, prima di inziare a prepararla accertatevi di avere in cucina i seguenti utensili:

– una ciotola media

– un cucchiaio grande

– bacchette in legno o in acciaio/ o due forchette

– dei fazzoletti di carta

– una padella possibilmente rettangolare, se non l’avete usatene pure una rotonda, l’importante è che si ANTIADERENTE!!!

– un piatto

 

Adesso passiamo agli ingredienti! Per fare un ottima Tamagoyaki ti serviranno:

– 4 uova belle grandi

– sale

– salsa di soya

– zucchero

– olio di semi di girasole ( non olio di oliva!!!)

 

Bene! . . . hai tutto?

Inziamo subito! Dozo!

 

Unisci insieme le uova dentro la ciotola e con una forchetta o con le bacchette, inzia a girare fino ad ottenere un composto omogeneo.

Aggiungi 2 cucchiaini di zucchero, mezzo cucchiaino di sale ed 1 cucchiaino di salsa di soia.

Continua a sbattere per omogeneizzare il tutto. (Sorridi mentre lo fai, questo aumenterà le possibilità di un ottima riuscita della ricetta al primo colpo!).

Nel frattempo posiziona la padella sul fuoco lento ( mi raccomando lento!!! ) e aggiungi dell’olio di semi di girasole, quindi afferrando con le bacchette o con la forchetta un fazzolettino chiuso come se fosse un fagotto, raccogli l’olio superfluo lasciando la padella unta. ( Questo passaggio è importante, troppo olio renderebbe tamagoyaki untuosa e la consistenza interna slegata).

A questo punto avrai la tua padella pronta! Ti consiglio di tenere a portata di mano il fazzoletto fagottino fatto di olio superfluo perchè ogni tanto, durante la preparazione, dovrai oleare la padella per agevolare il procedimento di “arrotolamento” che vedremo in seguito.

Inzia a versare un sottile velo di composto dentro la padella (per indenderci come per le crepes) appena inzi a vedere che il bordo si stacca con facilità, staccane un lembo ripiegalo su se stesso e comincia a girare la frittatina su se stessa. Se noti che la parte superiore della frittata è ancora molle non avere paura, è un buon segno! Una volta che giri su se stessa la frittata il calore interno la farà cuocere lentamente facendo attaccare strato su strato mantenendo però una cosistenza cremosa e spumosa.

una volta che avrai arrotolato il primo strato, sposta la frittatina ad un bordo della padella facendoti spazio, quindi con il fazzolettino fatto di olio, bagna la padella e ripeti il procedimento continuando ad arrotolare la frittata fino a quando avrai finito tutto il composto.

E LA FORMA???

Ok, magari la prima volta ti consiglio di non badare troppo alla forma della tua tamagoyaki, perchè se non possiedi una padella rettangolare dovrai darle la forma “manualmente” quindi girando e squadrando la frittata durante la cottura. Questo passaggio potrai provarlo non appena avrai raggiunto la consistenza corretta di tamagoyaki.

Ecco un video che vi aiuterà nel procedimento e nella preparazione!

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker