fbpx
EventiPrimo Piano

Taglio del nastro “virtuale” ad Etna Comics

L’Etna Comics non si lascia frenare neanche dinanzi al Covid-19. Stamattina, infatti, tra gli spazi delle Ciminiere è avvenuto il taglio del nastro “virtuale” della decima edizione del Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop. Un anniversario importante che sarebbe culminato in un evento ricco di ospiti speciali e novità importanti, a partire dall’inaugurazione del TabooCom, l’area del fumetto erotico.

Tuttavia, malgrado il rinvio e le incertezze sulle nuove date, oggi non si è rinunciato a celebrare, simbolicamente, l’importante traguardo alla presenza del direttore Antonio Mannino, della special guest Fumettibrutti, alias Josephine Jole Signorelli, e del sindaco Salvo Pogliese.

L’Etna Comics torna presto?

 

“Il biglietto acquistato avrà validità per il recupero dell’Etna Comics che potrebbe avere luogo in un altro mese”

Durante l’incontro diversi i temi affrontati di ordine economico, artistico e gag ironiche accadute in questi 10 anni del festival. Il direttore Mannino, inoltre, specifica che le quote del biglietto di quest’anno avranno validità per la prossima edizione; inoltre, lo stesso si augura di poter recuperare, tenenedo conto della situazione epidemiologica nazionale, i giorni di giugno tra qualche mese.

Importante, anche, l’intervento del primo cittadino che specifica:«Io ho ricevuto la parte di una realtà associativa che ha visto insieme molti organizzatori di eventi fieristici ,per quanto riguarda un sostegno concreto per gli eventi fieristici; richiesta, dunque, assolutamente pertinente».

«Tuttavia- continua Pogliese- non sono ancora in grado di dare più informazioni ma, sicuramente, andremo incontro alle richieste dei settori maggiormente penalizzati come quello del turismo e dello spettacolo».

“L’Etna ci rende realmente diversi e pieni di energia”

«Quanto è importante essere catanese nel mondo del fumetto?», è la domanda posta alla special guest Fumettibrutti.

«Sicuramente è importante per la mia natura- sostiene Fumettibrutti- siamo realmente diversi noi catanesi; Battiato sosteneva che l’influenza dell’Etna è visibile nei caratteri degli abitanti etnei: mamma Etna ti dà energia, dà una carica in più».

Ma quanto ha influito il lockdown sul lavoro della fumettista?

«Io ho lavorato molto poco, ma a causa della mia sensibilità. Ho vissuto male il lockdown: quando la vita online è maggior rispetto alla vita offline, il lavoro va a rilento nel mio caso. Ho disegnato qualche tavola, ma la quarantena forzata ha inciso fortemente sul mio umore», ci confida l’artista.

Sfumate le presentazioni dei videogames più importanti

Dialogando con il Presidente del Festival, inoltre, si è prestata attenzione anche all’aspetto legato all’utilizzo dei videogames durante il lockdown; ma ciò potrebbe incrementare ancora di più l’afflusso all’Etna Comics, dell’anno prossimo?

«La quarantena- sostiene Mannino- ha sicuramente influito sull’utilizzo dei videogames nel mondo dei giovani, però c’è da considerare il fatto che l’industria dei videogiochi ha subito perdite consistenti. Ad esempio la Playstation non ha potuto presentare il modello della Playstation 5».

Un dato rilevante sembra provenire dai giochi “da tavolo” versione online che hanno cementificato, durante la quarantena, i rapporti interpersonali anche dietro uno schermo ma non per questo necessariamente fittizi.

Catania come Lucca?

 

Scambio di battute tra Mannino e Pogliese su ciò che riguarderà la parte logistica dell’evento che, negli anni successivi, potrebbe subire delle variazioni.

«La città sarà pronta per ospitare i padiglioni all’aperto come a Lucca?», chiede il patron di Etna Comics

Pogliese dichiara: «Sarà doveroso pensare ad una location temporanea per i due anni necessari alla ristrutturazione del centro fieristico “Le Ciminiere”, ma potrebbe essere un’idea prendere spunto dal modus operandi di Lucca»

Di fatto, Etna comics nasce sotto l’egida di Lucca Comics, anche se il festival ha sviluppato un carattere proprio. «Infatti, avendo avuto il patrocinio di Lucca comics abbiamo ripreso delle loro idee come quella dei concerti serali anche grazie alla sinergia con Gianluca Del Carlo, mio amico fraterno.»

Inoltre lo staff Etna Comics informa che il 15 giugno intorno alle 21, si terrà, la premiazione online del “Premio Coco”, visibile a tutti nelle pagine social del festival. Analogamente Mannino informa che anche i premi “Uzeta” saranno visibili nei canali dedicati. 

G.G.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker