fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Morta la coniuge tenta il suicidio, 47enne in rianimazione

Un uomo originario di Catania ha tentato il suicidio in preda alla disperazione per la precedente morte della moglie.

Il 47enne C.M., residente a Palermo, nella zona di Baida, sembra si sia tagliato le vene in un momento di grande sconforto, dopo aver lasciato un messaggio di scuse verso i familiari e gli amici: “Non ce la faccio più a vivere senza di lei. Per me era tutto. Impossibile vivere con questo dolore. Io senza di lei non riesco a farcela, troppo difficile vivere”.

Prima di compiere l’insano gesto l’uomo avrebbe scritto all’amico Angelo, il quale ha allertato i carabinieri che sono intervenuti insieme e soprattutto grazie all’aiuto dei Vigili del Fuoco che sono riusciti ad aprire il magazzino in cui l’uomo avrebbe voluto togliersi la vita.

Per C.M. la vita non aveva più senso, questo l’avrebbero spinto ad ingerire un cocktail di farmaci per stordirsi e trovare il coraggio di tagliarsi le vene. Il catanese infatti è stato trovato accanto al letto insieme al coltello insanguinato.

Sul posto sono intervenuti anche i soccorsi sanitari del 118 che, una volta estratto l’uomo dall’edificio, hanno subito pensato a fermare l’emorragia ed a trasportare l’uomo presso l’Ospedale Ingrassia di Palermo, dove si trova adesso ricoverato nel reparto di rianimazione, come riporta blogsicilia.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button