fbpx
Cronache

Stipendi lavoratori Oda: la replica della Fondazione

L’Oda si esprime circa il pagamento degli stipendi dei lavoratori della Fondazione, dopo la nota divulgata dall’Ugl sanità pubblicata da questa testata.

La nota

«Corre, infatti, l’obbligo di ristabilire la verità dei fatti. Urzì continua a pronunciare affermazioni non vere. Gli stipendi sono stati regolarmente accreditati, non appena la Fondazione ha ricevuto dall’Asp il mandato dei pagamenti per le prestazioni erogate. Dei motivi del ritardo nell’accreditamento degli emolumenti, indipendenti dalla volontà della Fondazione, i lavoratori sono stati correttamente informati tramite un comunicato interno, divulgato in data 08/03/2019», inizia così la missiva dell’ODA.

«Preme ribadire ancora una volta, a beneficio di tutti, che l’ODA sta percorrendo un faticoso cammino di risanamento economico-finanziario. Nonostante questo, nessuno ha perso il posto di lavoro e l’elevato standard dei servizi erogati non ha conosciuto contraccolpi. Sappiamo bene quanti e quali difficoltà debbano affrontare i lavoratori quando ricevono lo stipendio in ritardo. Non smetteremo mai di ringraziare i nostri dipendenti per l’abnegazione con cui svolgono il proprio lavoro. Ma non accettiamo che un sindacato metta in discussione la correttezza formale dell’operato di questa Governance. Dalla lealtà e dalla fiducia non si può prescindere intendiamo derogarvi».

«Nessuno trattiene un euro dei soldi che spettano ai dipendenti e certamente non giova mettere in discussione il rapporto di convenzione che l’ODA intrattiene con l’Asp. L’Ugl sa bene che la risoluzione di tale rapporto configurerebbe la cessazione delle attività della Fondazione. Con conseguenze evidenti; su tutte, il licenziamento degli oltre 450 dipendenti, compresi i 25 iscritti al sindacato in questione. Conseguenze che, invece, centinaia di realtà del Terzo Settore catanese stanno patendo, finite sul lastrico a causa del dissesto del Comune di Catania. Non ci risulta che l’Ugl si sia schierata dalla loro parte con la stessa veemenza che mette nello screditare la Fondazione», conclude la nota della  Opera Diocesana Assistenza Catania.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker