fbpx
CronacheEconomiaNews

Spente le luci sul Tg di Antenna Sicilia

«Questa è l’ultima edizione del telegiornale di Antenna Sicilia che va in onda in forma inusuale e non come voi telespettatori avete imparato a conoscerlo e ad apparezzarlo in questi 36 anni. All’Ufficio Provinciale del Lavoro di Catania, poche ore fa, si è conclusa la procedura che, con il parere contrario dei sindacati, ha sancito il licenziamento di 14 dipendenti. L’azienda Sige ha confermato sino all’ultimo la totale indisponibilità a discutere di qualsiasi ipotesi alternativa ai licenziamenti».

In questo modo la voce fuori campo della giornalista Maria Torrisi annuncia la chiusura definitiva del telegiornale di Antenna Sicilia.

La Sige, proprietaria dell’emittente, ha confermato quindi il licenziamento dei dipendenti, nonostante la proposta di questi di proseguire il loro lavoro con il working by out. L’azienda si è però attivata per sostituire i dipendenti a tempo indeterminato che verranno licenziati con lavoratori autonomi o con contratti precari, così come già avvenuto due anni fa dopo il licenziamento di 25 dipendenti.
SLC-Cgil, Fistel-Cisl e Associazione siciliana della Stampa a fronte di questo comportamento hanno deciso di denunciare Sige per comportamento antisindacale, e hanno chiesto un’immediata ispezione delle autorità competenti per verificare l’applicazione dei contratti di lavoro e la correttezza dei versamenti contributivi per i lavoratori e i collaboratori di tutte le aziende che fanno riferimento al gruppo Ciancio.

“Vi dico solo che ho pianto quando stasera da casa ho visto in onda la sedia vuota dello studio del tg e ho sentito la voce fuori campo di Maria Torrisi che annunciava i licenziamenti: ho pianto come un bambino abbracciando mia moglie Daniela, ho pianto di rabbia e di dolore, come avevo già fatto a metà luglio lasciando Antenna Sicilia, l’Azienda che sicuramente mi ha dato tutto, ma alla quale ho dato tutta la mia Vita con passione, impegno e professionalità e dove avevo pensato di restare fino alla vecchiaia.
Non è giusto: la nostra azienda, il nostro lavoro, i nostri sacrifici, le nostre emozioni, le nostre gioie, le nostre passioni non dovevano finire così. Che tristezza davvero, anche per milioni di Siciliani che hanno amato la “nostra” Antenna Sicilia e sono cresciuti con noi sin dal 1979 e ai quali non finiremo e non finirò mai di dire grazie per l’affetto e la stima dimostrateci in ogni momento. E’ per tutti loro che dobbiamo andare avanti.
Abbraccio tutte le colleghe e tutti i colleghi, anche quelli che sono stati licenziati negli anni precedenti. Un patrimonio umano e professionale straordinario e unico che andava salvato. Le lacrime non bastano.
”  ha commentato su facebook Salvo La Rosa.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button