fbpx
Cronache

Spara colpi in aria con il fucile, arrestato

Nella serata di ieri, nell’ambito di servizi predisposti in occasione delle festività di fine anno, la Polizia di Stato ha tratto in arresto Giovanni Raimondo, 25 anni,  e Antonino Razza, 28 anni,  :

Giovanni Raimondo
Giovanni Raimondo

In particolare, personale della Squadra Mobile – Sezione Antidroga – eseguiva perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Raimondo Giovanni, ubicata nel popolare rione di Librino, all’interno della quale rinveniva e sequestrava:

  • nr. 24 artifizi pirotecnici artigianali c.d. “cipolle”;
  • nr. 19 artifizi pirotecnici cosiddette “torte a batteria”.
  • nr. 15 cartucce calibro 12.

Sul posto, vista l’ingente quantità di artifizi esplosivo rinvenuto, veniva fatto intervenire personale del Nucleo Artificieri che classificava le c.d. “cipolle” come materiale esplodente assimilabile alla IV categoria, di spiccata potenzialità, pertanto Raimondo veniva condotto presso gli Uffici della Mobile ove veniva tratto in arresto per detenzione illegale di materiale esplodente nonchè detenzione illegale di munizionamento e posto a disposizione dell’A.G.

Antonino Razza
Antonino Razza

Alle ore 20.30 circa di ieri, il medesimo personale, mentre transitava dal Villaggio Zia Lisa, notava un individuo, successivamente identificato per Razza Antonino, che esplodeva dei colpi in aria con un fucile a canne mozze. Gli Agenti dell’Antidroga, dimostrando estrema professionalità, bloccavano l’individuo e lo conducevano presso gli Uffici della Squadra Mobile. Sul posto venivano rinvenuti e sequestrate 5 cartucce esplose cal.12

Veniva accertato che l’arma era un fucile cal.12 a canne mozze, risultato provento di furto, pertanto Razza veniva tratto in arresto per detenzione e porto illegale di arma da fuoco clandestina e spari in luogo pubblico.

Razza veniva associato presso la casa circondariale Piazza Lanza a disposizione dell’A.G.

Sempre nella giornata di ieri, in ottemperanza alle disposizioni del Questore Marcello Cardona, personale del Commissariato Borgo-Ognina, a seguito dei controlli straordinari effettuati finalizzati a contrastare l’illecita vendita di materiale esplodente, ha contravvenzionato in piazza Abramo Lincoln due soggetti che detenevano ai fini della vendita un notevole quantitativo di fuochi pirotecnici.

Le due persone sono state oggetto di una sanzione amministrativa e si è proceduto al sequestro di 2.468 fuochi d’artificio che sono stati trasportati, ai fini della custodia, presso la depositeria comunale.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker