fbpx
CronachePrimo Piano

Sotto accusa il video del neomelodico Leonardo Zappalà

Accantonata la bufera  scoppiata dopo le dichiarazioni nel corso del programma televisivo Realiti, Leonardo Zappalà giovanissimo cantante neomelodico di Paternò torna a far parlare di sé.

In queste ore i Carabinieri del comando provinciale di Paternò stanno visionando “Guaioni e quartieri”, l’ultimo video del cantante pubblicato il 24 giugno. In questi tre minuti di riprese, pistole, santini e sangue fanno il loro ingresso in scena mimando la “punciuta”, ossia il rito di affiliazione mafiosa. Proprio a causa di questi elementi, le Forze dell’Ordine vogliono capire se ci sono estremi di reato da segnalare alla Procura distrettuale di Catania.Tra pistole puntate dritte alla testa e un santino bruciato, non passa inosservata neanche la partecipazione di alcuni minorenni alle riprese.  Il video, inoltre, è online ma soggetto a restrizioni.

Paternò non è il Bronx

Retaggio della musica R&B e Hip Hop, la canzone dai chiari tratti neomelodici con tanto di frasi incomprensibili che di napoletano non hanno proprio niente, vorrebbe forse raccontare la vita del “ghetto” di Paternò. Proprio qui, infatti, nei ruderi del COM (Centro Operativo Misto) Leonardo Zappalà sfoggia le pistole con il tipico atteggiamento da “vita del Bronx”.

«Pensavi che io scherzassi, ma qui nessuna risata. Guarda un po’, tutte le armi sono cariche», canta il rapper tedesco GZUZ.  Mentre Il re della strada, Tupac, parlando dei gangster del Bronx diceva: «Resta insieme ai veri uomini (riferendosi ai teppisti. n.d.a.) se vuoi essere uno di loro».  Insomma la “malavita” è da uno degli argomenti più gettonati nella stesura dei testi musicali.

Qualcuno, come il sindaco Nino Naso che ha presentato l’esposto per accertare eventuali reati, vorrebbe forse ricordare a Zappalà che Paternò non è il Bronx. Ma il problema sarebbe più di ordine sociale che nel raffronto al territorio d’origine.

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker