fbpx
CronacheNews

Sosta notturna: da oggi l’acquisto anticipato del tagliando

Da ottobre è entrata in vigore a Catania la stosta notturna con il pagamento forfettario di una tariffa unica pari ad 1 euro.

Da subito però si era posto il problema che il tagliando, speciale, valido per la sera e la notte era acquistabile solo dopo le 20.00 con grossi disagi per l’utenza. Pensate a chi, ad esempio, andava al cinema dalle 19.30 alle 21.30 e si trovava a interropere il film per procurarsi il biglietto sosta notturna.

Questione risolta perchè da oggi è partita la sperimentazione del servizio di “preacquisto biglietto sosta notturna” che permette all’utenza l’acquisto anche durante il giorno. Il problema è stato risolto attraverso un aggiornamento del software delle colonnine che sarebbe avvenuto quasi a costo zero, senza pesare sui bilanci aziendali.

A sollevare il disservizio alla dirigenza sostare erano stati i consiglieri comunali Agatino Lanzafame, Carmelo Coppolino, Salvo Spadaro e Maurizio Mirenda.

«In questi mesi abbiamo preferito lavorare in silenzio, rifuggendo la tentazione di una facile protesta mediatica – hanno spiegato i consiglieri comunali che piuttosto che avanzare un atto formale in consiglio hanno preferito risolvere la questione con la dirigenza Sostare – alla fine insieme al Presidente Luca Blasi abbiamo trovato una soluzione. Per questo motivo oggi vogliamo ringraziare la società: per aver mantenuto l’impegno preso, per aver risolto un problema della cittadinanza e per averlo fatto senza spreco di risorse pubbliche».

La soluzione non è stata facile da trovare, nei parcometri la funzione di preacquisto tecnicamente aveva una contabilità separata che invece doveva essere allineata a quella dell’emissione Amt. La Sostare ha trovato rimedio sostituendo su 38 dei 40 parcometri della sosta notturna il tasto dell’emissione Amt con la funzione “preacquisto biglietto sosta notturna”.

«Avevamo problemi legati al software che doveva allineare le contabilità – ha spiegato Luca Blasi –  Emiliano Guerrera, nostro tecnico interno, per mesi si è dedicato alla questione e alla fine ha risolto. Così, siamo riusciti ad ottenere un risultato a costo zero.»

È ancora Blasi a spiegare che adesso inizia un momento di sperimentazione, fino ad oggi il software è stato testato internamente su un solo parcometro con buoni esiti «se l’allineamento funziona su tutte le colonnine il sistema sarà stabilizzato, altrimenti provvederemo a sistemare». ha spiegato ancora Blasi.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button