fbpx
LifeStyleMoroboshi Life Style

Sognando Gyaru

La moda Gyaru (chiamata anche Gal) nasce in Giappone e si sviluppa prevalentemente negli anni 90-2000.

Bisogna sapere che al contrario di molte mode in voga ora anche in italia (vedi ad es. gli emo) il GYARU è prettamente una moda, uno stile di abbigliamento fine a se stesso, che comprende anche
Make-up
Hairstyle
Outfit
Accessori
Non ha delle “regole” specifiche o dei principi base per quanto riguarda la musica da ascoltare, il modo di comportarsi o la mentalità ” che bisognerebbe avere”per essere in tema, è una moda e come tale va vissuta e personalizzata.

L’unico “fondamento”di ogni Gyaru/Gal è che bisogna prendersi cura della propria bellezza,quindi mai sciatte o trasandate ma sempre (a seconda dello stile )più o meno curate.
Esistono moltissime sottocategorie nella moda Gyaru,un po per tutti i gusti e le età;
quest’oggi affronteremo brevemente le più conosciute:
Kogal:

gyaru

 

Le ragazze che vogliono seguire questa sottocategoria si ispirano sopratutto a modelli occidentali e a qualche cantante j-pop(tra i quali Namie Amuro e Ayumi Hamasaki)
Il trucco è solitamente molto pesante e vistoso,essendo una moda nata durante gli anni 90/2000 e ispirandosi alle icone occidentali che in quel periodo calcavano molto make-up etc, anche il corpo viene “occidentalizzato”tramite lampade abbronzanti o spray che permettono un abbronzatura immediata.

I capelli vengono tinti o decolorati ,si passa dal biondo platino al castano medio-chiaro,per le labbra sceglieremo lipstick o rossetti chiari dai toni pastello, il tutto per risaltare ancora di più l’abbronzatura.
Per quanto riguarda invece l’abbigliamento le Kogal utilizzano maggiormente il fuku alla marinara (la classica divisa scolastica giapponese).
Ogni Kogal comunque ama adottare uno stile più personale e a sua volta questo stile si puo’ dividere in altre sottocategorie,fra la quali le Ganjiro, le Ganguro e le Yamanba.

gyaru ganjiroGanjiro:

Più che una moda è un idea generale di bellezza giapponese che vuole la ragazza con una pelle molto chiara (quasi diafana) e i capelli scuri, in netta contrapposizione alle Manba e Yamanba.
Questo tipo di bellezza è molto più accettata nella cultura giapponese in quanto notevolmente meno “estrema” e appariscente.
I giapponesi inoltre sono cultori della carnagione chiara.

Ganguro:

gyaru ganguro
La moda Ganguro è fra le più vistose e appariscenti della scena Gyaru.
Abbronzatura evidentissima,capelli voluminosi e cotonati a dismisura,trucco pesante,lunghe ciglia finte,fard ombretti e rossetti dai toni chiarissimi per esaltare il colore della pelle.
L’abbigliamento deve risultare sexy e piuttosto kitsch,si alle zeppe ,minigonne cortissime,accessori di ogni tipo ,bracialetti,collane e fronzoli.

Yamanba:

gyaru E’ un nuovo termine usato per descrivere chi pratica la moda ganguro in modo estremo. Lo stile yamanba è basato su un’abbronzatura ancora più scura, l’uso di rossetti bianchi, ombretti color pastello e piccoli adesivi metallici o brillantini sotto gli occhi, lenti a contatto molto colorate e abbigliamento fluorescente al buio (dayglo). Alcune yamanba indossano degli animali impagliati come ornamenti.
I capelli sono stravaganti,esagerati,cotonati,boccolosi o lisci devono comunque colpire!
Colorazioni naturali non sono gradite,biondi,grigi,tinte pastello e ornamenti sono invece ben accetti.
L’equivamente maschile della ragazza yamanba viene chiamato sentaagai (ragazzo centrale da via centrale).

Himegyaru:

hyme gyaruLo stile Hime (letteralmente da principessa)
prevede un make-up più leggero,sempre accompagnato da ciglia finte,rossetti in tutte le varianti del rosa,dal pastello al fuxia,ombretti chiari sfumati con colori neutri,blush rosati sulle guancie e un buon fondotinta naturale come base trucco.
Le unghie sono curatissime,in Giappone va di gran moda la forma a stiletto o a mandorla,poche unghie corte o quadrate,spesso sono decorate con perle,strass,glitter e decorazioni in acrilico.

I capelli normalmente sono tinti o decolrati (meno presenti i naturali neri o castano scuro)ma non è un obbligo,vanno portati cotonati,boccolosi e voluminosi possibilmente, gli accessori devono impreziosire l’outfit (fiocchi,cerchietti per capelli,bracciali con cuori strass e perle,orecchini romantici e borse in stile bambolina).
Abiti da sogno,vestitini da principessina,deliziosi cappotti bon-ton,toni pastello o dolci fantasie floreali o in pizzo.
Ultimamente stanno prendendo piede anche colori meno bamboleggianti come il nero (ma sempre rivisto in chiave raffinata e impreziosito da pizzo o ricami)e il bordeaux.

Si potrebbe descrivere lo stile Hime-Gyaru con aggettivi come principesco, dolce, bamboleggiante, raffinato, elegante…

Negli ultimi anni comunque questa moda è diventata meno “pignola”su accessori,make-up,capelli, quindi meglio prendere spunto e personalizzare sempre!
Ad esempio si potrebbe indossare un fantastico abito hime per una serata o una cena senza caricarlo troppo di accessori con fiocchi,perle e perline e rendere i capelli altrettanto stupendi con morbide onde senza cotonare per forza.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker