fbpx
NewsNews in evidenzaPrimo Piano

Soccorso alpino recupera escursionista russo disperso

Escursionista salvato dal soccorso alpino della guardia di finanza di Nicolosi

Catania – I militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi, nella mattinata odierna hanno recuperato e tratto in salvo un escursionista russo di 27 anni disperso sul versante sudovest dell’Etna.

Il malcapitato, partito giovedì 12 dal rifugio Citelli, a quota 1700 metri sul versante nordest del vulcano, avrebbe dovuto raggiungere il giorno seguente il Rifugio Sapienza per poi proseguire le proprie vacanze nel capoluogo etneo.

Tuttavia, nella giornata di venerdì, avendo smarrito la strada ad oltre due chilometri di distanza dal rifugio San Gualberto, a circa 2100 mt. s.l.m., si è accampato in una zona boschiva posta nelle immediate vicinanze dell’area interessata dalla colata lavica del 2001, nel comune di Ragalna.
Nella mattinata di oggi, a seguito della richiesta di intervento dell’escursionista, i Finanzieri del Soccorso Alpino si sono recati immediatamente nella zona interessata con un’unità cinofila (conduttore con cane “Asia”, pastore belga appositamente addestrato per la ricerca di persone disperse in ambiente boschivo e in alta montagna) e hanno avviato le operazioni di ricerca.

Grazie alla profonda conoscenza del territorio e all’importante ausilio dell’unità cinofila, i militari sono riusciti a circoscrivere l’area di intervento e a giungere sul posto per soccorrere il turista russo.Quest’ultimo, trovato in discrete condizioni fisiche ma comunque spossato dalla notte trascorsa sull’Etna senza viveri e acqua, dopo essere stato rifocillato e reidratato, è stato condotto presso la Stazione del Soccorso Alpino di Nicolosi.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button