fbpx
Cronache

Smantellavano auto rubate: 3 arresti

Scattano le manette per due paternesi, rispettivamente: il 29enne Angelo Gulisano e il 46enne Salvatore Gulisano e per un catanese, il 55enne Orazio Puglisi, responsabili di ricettazione, raccolta e smaltimento illecito di rifiuti. infatti, durante un servizio perlustrativo, effettuato presso contrada Erbe Bianche, stante la recrudescenza  l’attenzione dei militari è attirata dall’inconfondibile ronzio di taglio metallico di una smerigliatrice.

I militari facendosi, dunque, guidare dal rumore giungono in un’area posta al confine con il comune di Adrano dove, dopo aver scavalcato una recinzione, notano la presenza di tre uomini intenti a lavorare su alcuni telai di autovettura. Le forze dell’ordine provvedono, a quel punto, a disporsi in maniera tale da impedire la fuga ai tre malviventi, effettivamente, bloccati ed ammanettati.

Rinvenuti diversi pezzi tra cui anche un’Alfa Romeo Giulietta

I tre uomini, utilizzavano un furgone targato Fiat, modello Ducato, preso in noleggio e rivenuto sul posto, necessario per svolgere l’illecita attività. Gli stessi avevano, inoltre, adibito a discarica il terreno sul quale stavano “operando”, disseminando carcasse, motori senza telaio, nonché una grande quantità di “rifiuti speciali” di provenienza edile e materiale ferroso.

Sul posto rinvenuti: il telaio di una Fiat Grande Punto rubata a Misterbianco ed il cruscotto una Fiat 500 asportata a Catania, il cui furto è stato denunciato dai legittimi proprietari nella giornata del 25 maggio scorso. Presente, altresì, anche un’Alfa Romeo Giulietta priva di dati identificativi; tre motori di autovettura, nonché diversi strumenti per l’effrazione e per lo smontaggio di parti meccaniche che, in aggiunta, consentivano la rivendita del singolo componente oppure dell’intera autovettura mediante alterazione del numero di telaio.

I tre delinquenti sono tutt’ora posti agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

G.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker