fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Terremoto: tanti siciliani nei paesi colpiti

terre“Buongiorno amici anche se non lo è nella notte c’è stato un terremoto di magnitudo 6.0 con epicentro ed Amatrice (Lazio) anche se si è avvertito in quasi tutto il centro italia”, questo uno dei post di facebook pubblicato su di un gruppo riguardante la sicilia.

Infatti un terremoto di magnitudo 6.0 ha colpito le Marche durante la notte devastando Rieti, Amatrice e Accumolo e causando 21 morti – sono questi i corpi ritrovati sino ad ora- e molti altri feriti.

La scossa, avvenuta alle ore 03:36,32 con coordinate geografiche (lat, lon) 42.7, 13.24 ad una profondità di 4 km, localizzato dal Bollettino Sismico Italiano INGV, è stata susseguita da oltre 100 scosse di terremoto, registrate dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, tra Rieti, Perugia e Ascoli Piceno che hanno impaurito in centro Italia ed il territorio simile in quanto pieno di faglie attive come la Sicilia.

Come scritto nel post riportato sopra, quasi in tutto il centro italia è stata avvertita la scossa, alcuni siciliani che si trovavano in vacanza a Foligno, dove non sono stati registrati danni ma la scossa è stata abbondantemente percepita, ci raccontano di una notte di terrore: “E’ stato terribile! Nessuna ripercussione qui, solo tanta paura”.

Adesso è pericolo per la Sicilia ed i siciliani.

Ma ecco alcune testimonianze.

Enzo Jester Somma ha raccontato alla nostra redazione di avere avuto tanta paura e di avere avvertito il sisma mentre stava dormendo, cosa terribile a suo dire. Il ragazzo siciliano ha comunicato anche che al momento del sisma si trovava in un  hotel a Foligno dal quale è repentinamente uscito una volta che ha avvertito la scossa.

La nostra redazione ha sentito anche Pina La Mela signora siciliana che ha un figlio impegnato in uno stage scolastico. La signora ha raccontato che suo figlio ha 18 anni appena compiuti. Un’esperienza drammatica dunque per una madre che ha un figlio che si trovava nel luogo della tragedia.

 

 

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button