Nera

Siciliani rapinavano banche e uffici a Pesaro, bottino da più di 20mila

Tre siciliani, di 31, 45 e 36 anni, rapivano banche ed altri uffici in trasferta, preferibilmente in luoghi dove viveva qualche parente.

Lo scorso 23 febbraio, i tre avevano rapinato l’Ubi Banca di Largo Madonna di Loreto di Pesaro, ed erano stati arrestati in flagranza di reato con 18mila euro già dentro la borsa.

Ma, a seguito di accurate indagini,  i carabinieri del Nucleo Investigativo e del Norm della Compagnia carabinieri di Pesaro insieme al personale del Norm della compagnia carabinieri di Catania Fontanarossa, hanno rinvenuto le prove per attribuire ai tre siciliani anche altre quattro rapine.

Il gip di Messina ha firmato un’ordinanza di custodia in carcere per tutti e tre i rapinatori.

Sono state ricostruite dai carabinieri le cinque rapine a banche e uffici postali a Pesaro, a mano armata, che hanno successivamente portato all’arresto di due dei tre rapinatori, i principali autori ovvero il 31enne e il 45enne.

Il terzo membro del trio criminale è stato preso in Sicilia, dopo aver fatto sparire le proprie tracce.

Inoltre, uno di loro dall’ottobre 2017 fino al gennaio 2018 lavorava come operaio proprio a Pesaro, al fine di organizzare e studiare le rapine al meglio. Gli altri due complici raggiungevano l’operaio da Catania, ogni volta in occasione delle rapine.

La cifra intascata dai rapinatori si aggira intorno ai 20 mila euro, ma il bottino non è stato ancora ritrovato.

EG.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.