fbpx
Sanitá

Sicilia senza infermieri, isola al collasso

In Sicilia mancherebbero quasi 10 mila infermieri per assistere nel modo migliore gli utenti dei sistemi sanitari regionali. È quanto rivela la ricerca del Centro studi della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri (Fnopi).

Secondo l’analisi, il corretto rapporto infermieri/medici sarebbe di 3 a 1. Le uniche ad aver raggiunto l’obiettivo sono Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Molise e la Provincia Autonoma di Bolzano.

In Calabria, Sicilia, Campania e Sardegna si scende a due o addirittura anche sotto i due infermieri per ogni medico. In termini di unità di personale mancante, si va dai 9.755 infermieri in meno della Sicilia ai 616 in meno nelle Marche, passando per i 4.724 mancanti in Lombardia, 4.540 in Sardegna e 4024 in Calabria, a seguirli la Puglia e il Lazio, dove servirebbero rispettivamente 3.931 e 3.013 professionisti in più.

In tutta Italia mancano almeno 53.000 infermieri e chi presta servizio si trova ad assistere in media contemporaneamente 11 pazienti. La carenza riflette la salute dei  e arriva a 8.937 infermieri in meno solo in Campania, regione altamente popolata, in cui chi è in servizio assiste in media 17 malati.

Questo aumenta i rischi per i malati e per gli stessi operatori: ogni infermiere dovrebbe assistere al massimo 6 pazienti per ridurre del 20% la mortalità.

DS

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button