fbpx
NeraPrimo Piano

Si taglia le vene per amore, salvata una 36enne

Si taglia le vene per amore, salvata una 36enne

Tenta il suicidio per una delusione d’amore e si taglia le vene con una lametta mentre si trova sugli scogli in via Antonello da Messina. Giovane donna salvata dai carabinieri.

Una donna di 36 anni, in preda ad una delusione d’amore, ha confidato in una telefonata alla madre di volersi suicidare. Poi è scomparsa e si è tagliata le vene sugli scogli.

La chiamata avrebbe dunque allertato la mamma della vittima che preoccupata dalle parole della figlia ha allertato le forze dell’ordine in cerca di aiuto.

È stata infatti la madre sabato sera ad avvisare i Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Dante circa la scomparsa della propria figlia 36enne.

La donna, visibilmente preoccupata, ha spiegato ai militari che, a causa di problematiche di natura sentimentale, la figlia era caduta in un grave stato depressivo tale da indurla a pensare che la stessa avrebbe potuto effettivamente farsi del male.

I militari immediatamente hanno cercato di chiamare la donna al cellulare riuscendo, dopo numerosi tentativi, a stabilire un contatto, mentre tramite i ponti d’aggancio si è accertata la posizione approssimativa della stessa.

Un Carabiniere dall’auto di servizio l’ha intrattenuta al telefono fino a rintracciarla in via Antonello da Messina. Qui insieme ad un collega ha trovato la donna sdraiata sugli scogli in evidente stato confusionale, con profondi tagli ai polsi. La donna aveva utilizzato una lametta trovata all’interno della propria borsa per trìagliarsi le vene. Lo stato di confusione era dovuto anche alla bottiglia di vodka bevuta e trovata semivuota sul posto.

Presa in braccio, è stata trasportata d’urgenza al pronto soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania luogo in cui, dopo le cure del caso, si trova tuttora sotto osservazione.

E.F.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button