fbpx
Cronache

Sfollati via Castromarino, Cgil: “Nessuna famiglia è rientrata nelle proprie abitazioni: il Comune intervenga”

Su 16 famiglie sfollate di via Castromarino e dintorni sono state solo due ad usufruire del “buono famiglia”. Le restanti si sono dovute accontentare di un contributo di 3000 euro una tantum deliberato lo scorso gennaio dall’amministrazione comunale.

La difficoltà da parte delle famiglie di accedere a regolari contratti di affitto in tempo di pandemia, hanno escluso infatti dal bonus gli ex abitanti degli immobili crollati nel gennaio del 2020, in seguito a cause ancora tutte da chiarire.

La Cgil di Catania ha realmente apprezzato lo sforzo dell’amministrazione comunale di aiutare gli sfollati tramite il nuovo “bonus” e il PON, trovando così una soluzione concreta alle falle della legge. Ma oggi il problema si ripropone, e non a caso.

«Gli abitanti non sono ancora rientrati nei loro appartamenti e vivono, senza alcuna responsabilità o colpa, un’avvilente condizione di “senza casa”.  – dicono  il segretario generale della Cgil di Catania, Carmelo De Caudo insieme a Dario Gulisano-In un contesto informale e di grande collaborazione, l’assessore comunale ai Servizi sociali si impegnò con la Cgil di Catania ad estendere nuovamente la misura. Molti degli abitanti, inoltre, pagano tutt’ora il mutuo di acquisto degli appartamenti poi crollati e per questo, nell’impossibilità di pagare un affitto, sono ancora accolti in casa di amici o parenti».

Per questo la Cgil confida che l’ amministrazione rinnovi fattivamente il proprio interesse verso gli abitanti di via Castromarino.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button